in

Viti-tunnel: l’ombrello sui vigneti contro pioggia, gelo e grandine

viti-tunnel - foto Vititunnel.com-2viti-tunnel - foto Vititunnel.com-2

Il progetto Viti-tunnel

Dopo quattro anni di prove sul campo arrivano i primi risultati concreti del progetto Viti-tunnel, esperimento francese che ha come obiettivo la prevenzione delle fitopatie nel vigneto e la riduzione dell’uso di fitofarmaci, nell’area di Bordeaux. Il suo ideatore, Patrick Delmarre, diversi anni fa aveva immaginato, e poi creato, una sorta di ombrello automatizzato che si apre, a protezione dei filari, in caso di pioggia, grandine e temperature molto basse. Sono stati dieci gli Châteaux del prestigioso distretto produttivo ad aderire all’iniziativa, tra cui Cheval Blanc, Haut Brion, Lafite Rothschild. “In questi quattro anni” ha raccontato Delmarre in una recente intervista all’emittente France 3 “abbiamo avuto due annate con una eccezionale pressione della peronospora. E, al di sotto del Viti-tunnel, non abbiamo registrato quasi nessun danno. Soprattutto, meno danni rispetto ai filari adiacenti che sono stati trattati con fitofarmaci”.

viti-tunnel - foto Vititunnel.com-2

I risultati della sperimentazione sono stati confermati anche dall’Ivv, l’Istituto della vigna e del vino. L’esperto Nicolas Avline racconta che dal monitoraggio sui dieci appezzamenti selezionati per l’applicazione del dispositivo, la protezione assicurata dal Viti-tunnel è equiparabile a quella data da 10-15 trattamenti con dei fitofarmaci. Tra le prime aziende che hanno scelto di aderire al progetto pilota c’è anche Château Margaux, nel Médoc. La responsabile ricerca e sviluppo, Blandine de Rouffignac, ha sottolineato che il sistema è il solo che, a oggi, consente di evitare qualsiasi forma di trattamento anti-peronospora. L’azienda è alla ricerca di soluzioni per evitare l’uso del rame in vigna e ha deciso di prolungare per altri due anni la posa del Viti-tunnel tra i suoi filari, consapevole che non è possibile applicare la copertura su tutti gli ettari vitati. L’applicazione più immediata di questo dispositivo, che attende ancora la commercializzazione, è ideale per quei vigneti vicini a complessi residenziali, scuole, case di riposo dove vige il divieto di trattamento con fitofarmaci e dove occorre garantire delle zone di sicurezza.

I costi del dispositivo Viti-tunnel

Le stime sui costi del dispositivo (controllabile anche via smartphone) si aggirano intorno ai 100mila euro per ettaro di vigna coperto. L’idea di Delmarre, secondo quanto raccontato a France 3, è di lavorare ancora all’estetica e alla funzionalità del prodotto, prima di metterlo in commercio non prima del 2025. Il brevetto del Viti-tunnel è stato registrato nel 2016 e poi, nel 2017, è arrivato un finanziamento statale al progetto di circa 200mila euro, tramite France Agrimer, fino alle prime applicazioni sul campo che risalgono all’aprile 2019.

a cura di Gianluca Atzeni
foto Vititunnel.com

La versione completa di questo articolo è stata pubblicata sul Settimanale Tre Bicchieri del 16 giugno 2022
Per riceverlo gratuitamente via e-mail ogni giovedì ed essere sempre aggiornato sui temi legali, istituzionali, economici attorno al vino Iscriviti alla Newsletter di Gambero Rosso

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Per richieste di collaborazione e di carattere promozionale Contattaci via email. Un saluto dal team di Foodtop!

Gambero Rosso

Scritto da Gambero Rosso

Gambero Rosso è la piattaforma leader per contenuti, formazione, promozione e consulenza nel settore del Wine Travel Food italiani. Offre una completa gamma di servizi integrati per il settore agricolo, agroalimentare, della ristorazione e dell’hospitality italiana che costituiscono il comparto di maggior successo con un contributo rilevante per la crescita costante dell’economia.

Cosa ne pensi?

Guerrasio - Foodtop Stories

Guerrasio Pizza Shop – Intervista ai fondatori, Dario Guerrasio e Emanuela De Rosa (VIDEO)

Cocktail della settimana. Paper Plane Rinomato di Lucio d’Orsi del Majestic Palace Hotel di Sorrento