in

Veganuary 2022: com’è andata la challenge? Milano la terza città al mondo per adesioni

 

Gennaio è il mese dei buoni propositi, il momento ideale per cominciare qualcosa di nuovo e introdurre qualche cambiamento nello stile di vita. Da qui nasce l’idea, in Gran Bretagna, del “Veganuary” – neologismo frutto della crasi tra vegan, vegano, e January, gennaio – un’iniziativa che permette di avvicinarsi al mondo della cucina vegetale e di sperimentare insieme a migliaia di altre persone.

Inaugurato nel 2014, il Veganuary si è diffuso in altri Paesi europei e coinvolge oggi sempre più persone. A portare in Italia la challenge è stata l’associazione Essere Animali che, dal 2017, cura la versione italiana. Per farci raccontare com’è andata quest’anno e quali sono le caratteristiche di questo percorso abbiamo intervistato Claudio Pomo, responsabile sviluppo di Essere Animali.

Veganuary: in migliaia alla scoperta della cucina vegetale

Nel 2021, secondo una ricerca Eurispes, in Italia una persona su dieci sceglie l’alimentazione vegetariana, mentre il 2,4% della popolazione è vegana. Numeri in crescita costante rispetto agli anni precedenti che segnano un progressivo, cauto, ampliamento del numero di uomini e donne (soprattutto queste ultime) che eliminano carne, pesce e in parte anche tutti i derivati.

Le ragioni che portano gli italiani a scegliere l’alimentazione vegetale sono diverse: la tutela degli animali, la ricerca di un’alimentazione più sostenibile – che porta alla crescita anche di altre scelte come quella della dieta flexitariana o climatariana – e la salute. A fronte di una maggiore sensibilità e curiosità al tema, il Veganuary rappresenta un primo step di avvicinamento di sempre maggior successo.

Nel 2022, hanno partecipato quasi 630.000 persone da tutto il mondo, ma significativi sono i dati che riguardano l’Italia che si piazza al quinto posto tra i Paesi con più iscritti. Milano, in particolare, è addirittura la terza città per adesioni dopo Santiago del Cile e Londra. Ogni giorno, i partecipanti hanno ricevuto un’email o dei contenuti con consigli, spunti, ricette e altri strumenti che permettono non soltanto di evitare gli alimenti di origine animale per un mese intero, ma anche di approfondire le alternative e bilanciare i piatti e – perché no – proseguire con questo stile alimentare anche oltre lo scadere di gennaio.



Oggi, dunque, anche nel nostro Paese – che ha una tradizione gastronomica legata ai prodotti derivati dagli animali molto forte e radicata – si parla sempre più di cucina vegetale e di inclusività della scelta vegana. Sebbene a definirsi tali sia ancora una nicchia, il riscontro del Veganuary ci racconta un’altra storia. Quella di un progressivo venir meno delle barriere e di un avvicinamento a un approccio alla cucina che rispecchi valori sempre più importanti per il consumatore e cittadino.

 

Voi avete mai partecipato? Sareste curiosi di partecipare alla challenge?

L’articolo Veganuary 2022: com’è andata la challenge? Milano la terza città al mondo per adesioni sembra essere il primo su Giornale del cibo.

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Per richieste di collaborazione e di carattere promozionale Contattaci via email. Un saluto dal team di Foodtop!

Gambero Rosso

Scritto da Gambero Rosso

Gambero Rosso è la piattaforma leader per contenuti, formazione, promozione e consulenza nel settore del Wine Travel Food italiani. Offre una completa gamma di servizi integrati per il settore agricolo, agroalimentare, della ristorazione e dell’hospitality italiana che costituiscono il comparto di maggior successo con un contributo rilevante per la crescita costante dell’economia.

Cosa ne pensi?

Imprenditoria italiana all’estero. La storia di Terroni a Toronto

Le migliori pasticcerie di Cagliari 2022: 4 indirizzi da provare