in

UK. Oltre la metà dei consumatori di vino è over 55: giovani sempre più salutisti?

Uk: identikit del consumatore di vino

Tra Covid e Brexit l’anno appena trascorso non è di certo stato uno dei più semplici per il mercato inglese del vino, e gli strascichi resteranno anche per il 2022. Tra i trend già in corso che si sono imposti nell’ultimo anno, appare inarrestabile l’invecchiamento della popolazione dei bevitori abituali. Il risultato, secondo l’analisi Wine Intelligence è che il 56% dei wine drinker è costituito da over 55 (con ben il 36% di over 65, in crescita di 14 punti percentuali negli ultimi 10 anni) e solo il 15% è under 34 (la fascia 18-24 anni non va oltre il 5%).

Uk. Vino e giovani: un rapporto difficile

Come mai? Probabilmente è stata proprio la pandemia ad allontanare i consumatori più giovani dalla categoria del vino e a spingerli verso altre bevande, poiché tradizionalmente i consumi di vino in Uk sono legati a contesti sociali e luoghi commerciali che, in questi mesi, sono venuti meno. Ma c’è da considerare anche il crescente interesse per la salute e il benessere che potrebbe aver contribuito alla contrazione della popolazione che consuma regolarmente vino e alla sua distribuzione per età. Rispetto ai consumatori più anziani, è molto più probabile che la Gen-Z (età legale per bere) e i Millennial si astengano del tutto dall’alcol o ne moderino attivamente il consumo. Questo fenomeno stimola anche la domanda di prodotti analcolici e a basso contenuto di alcol ed è probabile che continuerà a plasmare gradualmente il mercato nei prossimi anni.

Tendenze e preferenze: canali di vendita e formati di vino in UK

A livello di vendite, la preferenza di canale è rimasta sostanzialmente simile nell’ultimo anno, con poche eccezioni. Dopo una spinta legata al Covid nel 2020, l’uso dell’e-commerce è rimasto stabile, con il consolidamento dei siti web di supermercati e produttori di vino e con le app di consegna che guadagnano terreno. Mentre stanno diventando sempre più popolari i formati di imballaggio alternativi, soprattutto tra i più giovani. A tal proposito, il vino in lattina è l’astro nascente, grazie alla crescente offerta e al miglioramento della qualità. Più di 1 consumatore su 10 di età compresa tra 18 e 34 anni ha ricordato di aver acquistato vino in lattina negli ultimi sei mesi, tre volte di più rispetto a chi ha più di 55 anni e il doppio rispetto al normale bevitore di vino medio del Regno Unito. Secondo Wine Intelligence, questo trend è destinato ad affermarsi, spinto soprattutto dalle pressioni sulla sostenibilità.

Infine, un occhio alla produzione locale che continua a crescere, beneficiando del desiderio diffuso nell’era Covid di acquistare e supportare le imprese locali. I dati Iwsr prevedono per lo spumante inglese un tasso di crescita annuo del 4% dal 2021 al 2025.

Questo articolo è stato pubblicato sul Settimanale Tre Bicchieri del 13 gennaio 2022

Per riceverlo gratuitamente via e-mail ogni giovedì ed essere sempre aggiornato sui temi legali, istituzionali, economici attorno al vino Iscriviti alla Newsletter di Gambero Rosso

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Per richieste di collaborazione e di carattere promozionale Contattaci via email. Un saluto dal team di Foodtop!

Gambero Rosso

Scritto da Gambero Rosso

Gambero Rosso è la piattaforma leader per contenuti, formazione, promozione e consulenza nel settore del Wine Travel Food italiani. Offre una completa gamma di servizi integrati per il settore agricolo, agroalimentare, della ristorazione e dell’hospitality italiana che costituiscono il comparto di maggior successo con un contributo rilevante per la crescita costante dell’economia.

Cosa ne pensi?

5 deliziosi primi piatti con le seppie

Ricette con le lenticchie: 10 idee per ogni occasione 2022