in

Eventi enogastronomici di settembre 2022: gli appuntamenti da non perdere

roma baccalàroma baccalà

Eventi gastronomici di settembre 2022

Nemmeno il tempo di tornare dalle vacanze e l’agenda è completamente piena. Per fortuna non solo di appuntamenti pesanti ma di eventi interessanti che riempiranno le strade da una parte all’altra d’Italia, tra festival tradizionali e organizzazioni internazionali, con manifestazioni più local, come il Roma Baccalà, e altre incentrate su ospiti di calibro mondiale, come Genesis a Cortina, l’Ego Festival a Taranto e Ricci Weekender a Catania. Ce n’è per tutti i gusti, dai palati più raffinati con i piatti d’autore della Cena dei Mille a Parma, agli amanti dei sapori più decisi del Tutto Fritto Festival di Parco Appio a Roma. Ci sono anche appuntamenti da non perdere per gli amanti del vino in due delle zone più iconiche della produzione italiana, coinvolte nel Bolgheri DiVino e nel Franciacorta Festival.

macaria

Macaria a Terrasini, 1-4 settembre

Non poteva che essere qui, nell’isola che unisce le sponde del Mediterraneo, un festival dedicato alla pasta. In Sicilia, infatti, nasce la prima tecnica di essiccazione della pasta fatta di acqua e grano duro, sotto l’influenza della cultura araba: era il modo più pratico per portare nei lunghi viaggi un nutrimento conservabile a lungo e dalla enorme versatilità. E qui, a Terrasini (a due passi da Palermo) nasce Macaria, il primo festival che celebra la pasta a 360 gradi, dall’1 al 4 settembre prossimi: 4 giorni di show cooking, tasting, spettacoli e mostre-mercato che animeranno il lungomare Peppino Impastato e il Palazzo d’Aumale che è anche sede del Museo Regionale di Storia Naturale e Mostra permanente del Carretto Siciliano. “Oggi Macaria si allarga a tutto il mondo della pasta, da vegetariana a vegana, con la carne e col pesce” spiega Giuseppe Biundo, ideatore di Macaria che è organizzata da SevenApp srl e Coplus “l’intento è valorizzare i grani autoctoni siciliani, partendo dunque dalla valorizzazione della materia prima per poi arrivare alla secolare tradizione che ha la Sicilia sulla lavorazione delle paste secche. Ci riappropriamo di un primato, quello della nascita della pasta secca in Sicilia e in particolare a Palermo e a Trabia durante la dominazione araba nel 1100”.

Macaria – Terrassini (Pa) – 1-4 settembre, dalle 18.30 alle 24 – Ingresso gratuito, ticket degustazione €5 – www.macariafestival.it

vini d'abbazia

Vini d’Abbazia a Priverno, 2-4 settembre

L’obiettivo di Vini d’Abbazia è far conoscere la lunga storia del vino italiano legata ad abbazie e monasteri, e raccontare il loro contributo alla salvaguardia di molti vitigni tradizionali. Questa è la prima edizione della manifestazione, che si svolge dal 2 al 4 settembre nello scenario del Borgo di Fossanova a Priverno, in provincia di Latina. L’evento è organizzato da Pro Loco di Sabaudia e Associazione Passione di Vino, in collaborazione con Slowine, Strada del Vino di Latina, Pro Loco di Priverno, con il contributo della Regione Lazio, dell’Arsial, del Comune di Priverno e della Direzione Regionale dei Musei del Lazio. Protagoniste dell’evento, raccontati attraverso una mostra, saranno dunque le abbazie, i monasteri e i conventi dislocati su tutto il territorio italiano che ospitano le eccellenze della produzione vitivinicola, come per esempio l’Abbazia di Rosazzo del Friuli Venezia Giulia, i cui vigneti millenari sono affidati alla Cantina Livio Felluga, la Badia di Passignano in Toscana (Abbazia di Vallombrosa) le cui storiche cantine sono in uso da parte della Famiglia Antinori.

Alla tre giorni dell’evento, che si svolge proprio nel caratteristico chiostro dell’Abbazia dalle ore 18 alle 22, partecipano oltre venti cantine selezionate con la collaborazione di Slow Wine. Alle degustazioni si alternano momenti di confronto volti a scoprire le connessioni dei vini con i periodi storici e le realtà culturali in cui sono nati. Sono in programma anche delle masterclass: sabato 3 settembre alle ore 20, il produttore Marco Caprai racconta il Sagrantino dalle sue origini – legate a San Francesco – al successo internazionale di oggi e domenica 4 settembre alle ore 20, il produttore Nazzareno Milita della Strada del Vino di Latina, parla dei vini del territorio pontino, con una degustazione di alcune delle sue eccellenze.

Vini d’Abbazia – Abbazia di Fossanova – Priverno (LT) – Via San Tommaso d’Aquino, 1 – 2-4 settembre, dalle 18 alle 22 – Biglietto giornaliero €20; biglietto giornaliero + Masterclass €30 – vinidabbazia.com

bolgheri divino

Bolgheri DiVino a Castagneto Carducci, 3-4 settembre

Dal 3 al 4 settembre 2022 va in scena la seconda edizione di Bolgheri DiVino, la prima aperta al pubblico: una degustazione diffusa a Castagneto Carducci, nelle scenografiche location di Castello della Gherardesca e del Frantoio di Casa Carducci. Bolgheri DiVino è l’evento dei produttori del Consorzio dei vini Bolgheri e Bolgheri Sassicaia DOC alla vigilia della vendemmia, pensato per celebrare il territorio e la sua eccellenza vitivinicola e realizzato per la prima volta nel 2021. All’evento presenziano tutte le aziende del Consorzio, in uno spirito di squadra che ha portato questo piccolo territorio a diventare una delle eccellenze italiane. I produttori sono divisi in diverse location, che permettono agli ospiti di spostarsi e scoprire il territorio oltre che di poter assaggiarne i vini in una degustazione diffusa, tra cui particolare rilievo viene dato al debutto della nuova annata del Bolgheri Rosso.

Bolgheri DiVino – Castagneto Carducci (Li) – sabato 3 settembre dalle 11.30 alle 19.30, domenica 4 settembre dalle 10 alle 18 – Biglietto giornaliero €100, due giornate €160 – bolgheridivino2022.com

nettuno wine festival

Nettuno Wine Festival, 4 settembre

Il Nettuno Wine Festival arriva alla quinta edizione. La manifestazione è ideata dalla Pro Loco Forte Sangallo con la partecipazione dell’Associazione Ristoratori Nettuno in Tavola, il sostegno del Comune di Nettuno, della Regione Lazio e la media partner di Radio Dimensione Suono Roma. Domenica 4 settembre il centro storico del borgo medievale di Nettuno si trasforma in una cittadella del gusto dedicata alla conoscenza dei vitigni autoctoni e alla valorizzazione della ricchezza gastronomica del territorio nettunese. Questa edizione sancisce il gemellaggio tra i vignaioli di Lazio e Sardegna per riportare all’attenzione degli appassionati i sentori esclusivi derivati dal piede franco, oggi possibile solo in poche zone d’Italia. Protagonista ancora una volta in tutte le sue varie accezioni il cacchione, l’antico vitigno citato già nei testi di Plinio, che è possibile scoprire in abbinamento agli altri vini delle cantine laziali e alla proposta culinaria preparata per l’occasione dai ristoratori dell’Associazione Nettuno in Tavola, in una cornice di rara suggestione dove la passione per il buon cibo si fonderà con il piacere dello svago.

Nettuno Wine Festival – Nettuno – 4 settembre, ingresso libero

cena dei mille parma

Cena dei Mille a Parma, 6 settembre

Dopo lo stop di due anni a causa della pandemia, torna la Cena dei Mille a Parma, dove mille persone si siederanno nel centro storico della città che si trasformerà in un ristorante gourmet. Tra Piazza Garibaldi e Strada della Repubblica, proprio nel centro della città, sarà posizionata una tavolata lunga oltre quattrocento metri. L’evento, promosso dalla Fondazione Parma Unesco City of Gastronomy in collaborazione con il Comune di Parma, si terrà martedì 6 settembre per celebrare l’identità gastronomica della città e della zona, fatta di persone, tradizioni e prodotti di eccellenza. La serata avrà anche uno sfondo sociale: una parte degli incassi andrà a favore di Emporio Solidale Parma – che attraverso lo strumento della spesa solidale aiuta attualmente 1.600 nuclei familiari nel territorio di Parma e provincia – e inoltre, ospiti della cena, venti operatori delle aziende sanitarie di Parma in segno di gratitudine per l’impegno straordinario profuso durante la pandemia.

Cena dei Mille – Parma – 6 settembre – parmacityofgastronomy.it/cena-dei-mille

Scopri l'evento Roma Baccalà

Roma Baccalà, 8-11 settembre

Per quattro giorni, dall’8 all’11 settembre, il baccalà diventa il protagonista di un evento a Roma. Arrivato alla terza edizione, il festival propone una serie di talk, incontri e assaggi nel quartiere di Garbatella: oltre venti appuntamenti culturali, più di venti piatti tradizionali a base di baccalà, trenta laboratori di cucina e quattordici osti. Al centro del progetto ci sono storie di comunità, cucina tradizionale, biodiversità e cultura costruite intorno al baccalà e allo stoccafisso. Inoltre, nell’anno dedicato da Fao alla pesca, Roma Baccalà vuole essere un nuovo tassello della grande mappa di cambiamento e sostenibilità del mondo. L’obiettivo è far conoscere una materia prima che nella tradizione italiana è da sempre protagonista delle tavole casalinghe e che ha fatto parte di pranzi e cene in famiglia di tante generazioni in ogni regione d’Italia, che sia montana, di collina o di costa, dove assume diverse declinazioni nelle ricette tipiche in cui si adatta alla biodiversità locale.

Questa edizione vuole segnare un nuovo slancio verso le botteghe del quartiere Garbatella, che vengono coinvolte durante i giorni dell’evento attraverso una declinazione del tema nelle varie attività produttive: i ristoranti propongono una loro versione del baccalà nei piatti, le librerie espongono in primo piano i libri coerenti con la manifestazione e i bar preparano cocktail innovativi che sposano il prodotto. L’inaugurazione è al Teatro dello Scambio giovedì 8 settembre e prevede un talk con la partecipazione di rappresentanti istituzionali e la presentazione della guida Baccalà, i luoghi iconici di Roma dove poter degustare e comprare baccalà e stoccafisso. L’offerta gastronomica della terza edizione di Roma Baccalà ha come protagonisti l’associazione Ostissimi, nelle serate di sabato 10 e domenica 11 settembre, con le degustazioni di tante specialità romane a base di baccalà e, nei due giorni di apertura giovedì 8 e venerdì 9, altri sei osti di Roma: Tommaso Pennestri di Trattoria Pennestri, Nicolò e Manuel Treccastelli di Trattoria Trecca, Matteo Ballarini de Il Velodromo Vecchio di Roma, Tiziana Favi di Namo Ristobottega e Giulia Gherardi di Terre e Domus.

Roma Baccalà – Roma – Piazza Damiano Sauli – 8-11 settembre, ingresso libero – romabaccala.it

tutto fritto roma

All RIghts Reserved www.albertoblasetti.com

Tutto Fritto Festival 2022 Parco Appio a Roma, 9-11 settembre

Il Parco Appio a Roma, da venerdì 9 a domenica 11 settembre ospita la terza edizione del Tutto Fritto Festival, con supplì in tantissime declinazioni, frittatine di pasta, pizze fritte, pesce fritto e fritto misto alla romana. La selezione del beverage è a cura di @Natural Born Drinkers con birre artigianali e vini naturali, accompagnate da esibizioni di musica con diverse band e dj set. L’ingresso è gratuito e cibo e bevande possono essere acquistate attraverso l’uso di gettoni dal valore di 1, 2 o 5 euro. Le menti dietro al progetto sono: Mirko Rizzo, esperto pizzaiolo romano che ha realizzato diversi progetti come Pommidoro, Nando in pizzeria, Parco Appio e l’Elementare Trastevere, Fabio Di Vilio, ex ingegnere e anima del ristorante La Scialuppa di Fregene, insieme a Federico Feliziani ha creato il format “Senza Spine” dedicato al pesce “di strada” proprio al Parco Appio, e Lino Lucarelli, pizza chef della pizzeria L’Elementare Trastevere.

Tutto Fritto Festival – Roma – Parco Appio – 9-11 settembre, venerdì dalle 18 alle 02, sabato e domenica dalle 12 alle 02 – tuttofrittofestival.info

una cena del ricci weekender

Ricci Weekender a Catania, 9-12 settembre

Dal 9 all’11 settembre va in scena il Ricci Weekender, festival in cui cibo, vino e musica si fondono e mescolano nel caratteristico scenario della Sicilia orientale. Il festival è arrivato alla quarta edizione, che vede un ricco programma di concerti, dj set, cene e degustazioni, alternati ma non subalterni: cibo, vino e musica hanno pari dignità nel concept degli organizzatori, che provengono da realtà differenti. Infatti, Ricci Weekender nasce dalla collaborazione tra il circolo Mercati Generali di Catania, la radio britannica con base a Londra Worldwide FM – fondata dal dj e producer Gilles Peterson – e il cuoco Ed Wilson del ristorante Brawn di Londra, che volevano creare un club di viaggiatori italiani ed europei – i weekender, da cui prende il nome il festival – che si ritrova ogni anno in Sicilia. Ricci Weekender ha quattro location principali: gli storici Mercati Generali, le sale del Palazzo Biscari con il loro barocco siciliano, il cortile del monumentale Castello Ursino e il giardino botanico di Radicepura a Giarre. La proposta culinaria del festival parte dagli ingredienti e dalle materie prime del territorio siciliano, che incontrano l’anima internazionale e contemporanea della kermesse. La brigata di cucina è guidata ancora una volta da Ed Wilson, per quest’edizione affiancato dal cuoco italo egiziano Mitshel Ibrahim del ristorante Ombra di Hackney, e da due eccellenze siciliane: l’etneo Seby Sorbello e Massimiliano Vasta di Vico Astemio a Riposto. Sono loro i protagonisti delle cene che precedono i concerti, con uno speciale menu da accompagnare alla selezione di vini di alcune cantine siciliane: Benanti, Davide Bentivegna, Fabio Ferracane, Nino Cali, Vini di Anna, Marabino, Porta del Vento e Pietradolce.

Ricci Weekender – Catania – 9-12 settembre – www.ricciweekender.com

Genesis a Cortina d’Ampezzo, 9-12 settembre

Dal 9 al 12 settembre a Cortina d’Ampezzo torna Genesis, l’evento ideato dallo chef Riccardo Gaspari e Ludovica Rubbini del Sanbrite che riunisce appassionati di enogastronomia e di attività outdoor per un viaggio alla riscoperta delle origini della cucina. L’evento convoglia chef di fama internazionale, artisti, musicisti e appassionati di enogastronomia che si danno appuntamento nel cuore delle Dolomiti Ampezzane per celebrare il buon cibo e la terra, assaporando gusti autentici. Tema centrale di questa edizione non è più la Cucina Rigenerativa ma la Rigenerazione Umana, che pone l’attenzione sull’Uomo come se fosse il quinto elemento naturale e si aggiunge ad Acqua, Aria, Terra e Fuoco, ciascuno dei quali sarà protagonista di una specifica experience. Tre giornate scandite da appuntamenti enogastronomici che vedono protagonisti chef come Simon Lerche, Juri Chiotti, Marco Ambrosino, Andrea Ribaldone, Fatamata Tarazid Tarawali, Oliver Piras, Alessandra Del Favero, Giorgia Eugenia Goggi (della Masseria Moroseta, a lei sono affidate le colazioni) e il panificatore Luca Lacalamita. A completare il programma passeggiate in e-bike, una sessione di yoga en plein air, un concerto con wine tasting nel bosco, e la serata finale con la cucina all’aria aperta e l’accampamento in montagna.

Genesis – 9-12 settembre – Cortina d’Ampezzo – sanbrite.it/genesis22

douja d'or

Douja D’Or 2022: il vino sempre al centro ad Asti, 9-18 settembre

Dal 9 al 18 settembre è in programma la 56ª edizione della Douja d’Or, che riempirà le vie, le piazze e i palazzi del centro storico di Asti. Una non-stop di 10 giorni che riprende lo schema diffuso collaudato nella scorsa edizione e propone una formula che offre al pubblico numerose esperienze legate al vino. Una manifestazione storica con un programma più lungo nei due weekend (10 e 11, 17 e 18 settembre) e concentrato nelle sere (dalle ore 18:00) dei giorni infrasettimanali. Il vino è al centro dell’evento: talk, degustazioni, masterclass, incontri, letture, spettacoli e cene ne raccontano tutte le sfumature offrendo a turisti, addetti ai lavori e appassionati spunti di conoscenza e di approfondimento. Per questa edizione due nuove location si aggiungono alla mappa della Douja d’Or: la Camera di Commercio di Alessandria-Asti e il Comune di Asti. Piazza San Secondo, con lo stand di Piemonte Land of Wine – che rappresenta oggi tutti i 14 Consorzi del vino piemontese ufficialmente riconosciuti dal Ministero dell’Agricoltura e promuove gli oltre 44.000 ettari di vigneto piemontesi, con 18 Docg e 41 Doc regionali – è il centro di un percorso che si snoderà tra le vie, le piazze ed i palazzi storici di Asti alla scoperta delle grandi eccellenze del territorio: dall’Asti al Moscato d’Asti Docg alla Barbera d’Asti ed i Vini del Monferrato, dal Vermouth ai vini biologici fino alle grappe. Qui gli ospiti della Douja possono trovare degustazioni di vini provenienti da tutti i territori del Piemonte in abbinamento a pasticceria secca, formaggi e salumi Dop e Igp piemontesi ma anche momenti di intrattenimento serali con Dj Set e musica live. Una carta di vini digitale con oltre 500 etichette consultabili tramite QR code aiuterà nella scelta tra bollicine, bianchi, rosè, rossi, aromatici e passiti.

Douja D’Or – Asti – 9-18 settembre, ingresso gratuito – www.doujador.it

Festival del Franciacorta a Erbusco, 10-11 e 17-18 settembre

Nei due week end del 10 e 11 e del 17 e 18 settembre, Cantine di Franciacorta organizzerà una degustazione di Franciacorta Satèn nell’enoteca dello store di Erbusco, un open-space di 500 mq allestito per il festival. È un’occasione per gustare ben 60 Satèn e altrettante altre bollicine delle cantine più prestigiose e storiche e di quelle emergenti, eccezionalmente insieme in un unico evento. Il banco d’assaggio verrà distribuito nel corso delle quattro giornate del festival, con la presenza di 15 aziende produttrici ciascun giorno. Ogni azienda proporrà due tipologie di Franciacorta, il Satèn e un’altra a sua scelta, così che si avrà modo di assaggiare 30 vini diversi per ciascuna delle quattro giornate. Gli assaggi saranno accompagnati da un buffet.

Festival del Franciacorta – Erbusco (Br) –10 e 11, 17 e 18 settembre, quattro sessioni al giorno alle 10, alle 12.30, alle 15, alle 17.30www.cantinedifranciacorta.it

ego festival

Ego Festival a Taranto, 22-25 settembre

Dal 22 al 25 settembre a Taranto, la città dei due mari, c’è la quarta edizione dell’Ego Festival, l’evento enogastronomico dedicato alla formazione professionale nel mondo della ristorazione con dodici chef di fama internazionale: un viaggio tra i trulli e le Gravine, con il festival della cozza, diverse masterclass, degustazioni e assaggi. Saranno gli chef a dare vita al progetto Dinner Incredible a Taranto per definire la cucina pugliese e tracciare una mappa del gusto che supera i confini nazionali. Gli chef raccontano la Puglia gastronomica, le aziende e i territori, dai trulli alle gravine, dai vigneti agli uliveti alla ricerca delle materie prime che danno vita ai loro piatti. Protagonista ancora una volta è la regina indiscussa di Taranto, la cozza nera che quest’anno è diventata presidio Slow Food. A lei è dedicato un festival sabato 24 settembre con i cuochi del territorio che la propongono nei piatti della tradizione ma anche in rielaborazioni contemporanee. Ego Festival nasce da un’idea di Monica Caradonna e dello chef Martino Ruggieri, per l’edizione 2022 è partner dell’evento l’organizzazione internazionale Dinner Incredible che fa capo allo chef Giorgio Diana, che guida un team di chef internazionali: Paolo Casagrande del ristorante Lasarte, David Garcia del Corral De La Morerira, Christian Herrgesell, Martino Ruggieri di Maison Ruggieri in Francia, Fatmata Binta di Fulani Kitchen in Ghana, Gregoire Berger di Ossiano a Dubai, Antonio Bachour, Best Pastry Chef di Bachor Miami, Jaime Pesaque di Matyta’s in Perù e Francesco Martucci de I Masanielli.

Ego Festival – Taranto – 22-25 settembre, €300 Dinner Incredibile, Talk ingresso gratuito – www.egofestival.it

terra madre torino

Terra Madre Salone del Gusto a Torino, 22-26 settembre

Terra Madre Salone del Gusto è il grande evento internazionale dedicato al cibo buono, pulito e giusto, che quest’anno torna all’aperto a Torino dal 22 al 26 settembre, per la prima volta a Parco Dora con ingresso gratuito. Il calendario di appuntamenti, finora oltre 400 tutti a tema Rigenerazione, è fittissimo: cuore dell’evento, organizzato da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino, è la suggestiva architettura post-industriale che sorge lungo il fiume Dora, realizzata grazie a un importante lavoro di recupero e rigenerazione. Tante le aree dell’evento, a partire dallo Spazio Slow Food, il movimento presente in 160 Paesi che a Terra Madre riunisce i delegati da tutto il mondo e presenta i propri progetti di tutela della biodiversità, educazione al gusto e attivismo sulle politiche del cibo buono, pulito e giusto per tutti. C’è la Cucina di Terra Madre che, oltre a essere il palcoscenico dei cuochi dell’Alleanza Slow Food, è il posto migliore per assaggiare tante preparazioni gastronomiche da tutto il mondo. Presenti anche l’Honey Bar, dedicato al miele, il Sentiero della Biodiversità, un grande spazio espositivo che mette al centro diverse filiere e alcune reti tematiche, il Giardino dell’Educazione, dove bambini e ragazzi possono entrare in contatto con un vero e proprio campo coltivato studiato insieme all’Orto botanico di Torino, i Laboratori del Gusto, il luogo preferito degli appassionati di enogastronomia, e il Mercato di Terra Madre che accoglie oltre 700 produttori che pongono una particolare attenzione all’uso di prodotti locali naturali e al benessere degli animali allevati. Sono due gli spazi di dialogo e scambio intitolati a due grandi attivisti del nostro tempo: l’Arena Gino Strada e l’Arena Berta Cáceres. Il programma completo e la guida alle attività sono disponibili sul sito dell’evento.

Terra Madre Salone del Gusto –Parco Dora, Torino – 22-26 settembre, ingresso libero –  terramadresalonedelgusto.com

ischia safari

 

Ischia Safari 2022: Il mondo della pizza, 25 e 26 settembre

La quinta edizione di Ischia Safari, in programma il 25 e il 26 settembre al Parco Negombo, vede la partecipazione di 32 grandi pizzaioli provenienti da tutta Italia, per un grande evento dedicato alla pizza in ogni sua versione: napoletana, romana, teglia, pala, fritta, friggitoria, pucce, padellini, fino al pane. L’associazione culturale Ischia Saperi e Sapori – Centro Culturale e Artistico, organizzatrice di Ischia Safari, ha come suoi soci fondatori Nino Di Costanzo, Pasquale Palamaro, Giancarlo Carriero, Marco Castagna, Paolo Fulceri Camerini, Marianna Schiano e non ha scopo di lucro ma persegue esclusivamente finalità di promozione della cultura enogastronomica. Tra i pizzaioli presenti nella manifestazione ci sono Gino e Toto Sorbillo di Gino Sorbillo Antica Pizzeria, Gabriele Bonci di Pizzarium e Panificio Bonci, Enzo Piccirillo di Antica Friggitoria La Masardona, Jacopo Mercuro di 180grammi Pizzeria Romana e Antonio Falco dell’Antica Pizzeria Da Michele. All’evento è presente anche Francesco Martucci (de i Masanelli) con Ivano Veccia (Qvinto) al Charity Dinner in programma il 25 settembre all’albergo Regina Isabella.

Ischia Safari –Ischia, Parco Negombo – 25-26 settembre, ingresso Parco Negombo €70 con 30 consumazioni (5 beverages), Charity Dinner €250

a cura di Maurizio Gaddi

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Per richieste di collaborazione e di carattere promozionale Contattaci via email. Un saluto dal team di Foodtop!

Gambero Rosso

Scritto da Gambero Rosso

Gambero Rosso è la piattaforma leader per contenuti, formazione, promozione e consulenza nel settore del Wine Travel Food italiani. Offre una completa gamma di servizi integrati per il settore agricolo, agroalimentare, della ristorazione e dell’hospitality italiana che costituiscono il comparto di maggior successo con un contributo rilevante per la crescita costante dell’economia.

Cosa ne pensi?

Migliori macchine da caffè espresso manuali - foodtop

Le 10 Migliori Macchine da Caffé espresso manuali (2022): guida all’acquisto

Vendite vino: Gdo crolla nel primo semestre. È l’ora della ristorazione?