in

Pandoro: la ricetta originale

Tutta la tradizione pasticcera veronese

Il Pandoro è un dolce della tradizione pasticcera veronese ma diventato simbolo delle tradizioni gastronomiche del Natale, insieme al panettone. I due dolci si contendono lo scettro di dolce del Natale da secoli dove uno, il pandoro, incontra solitamente i gusti di tutti mentre l’altro, il panettone, può incontrare resistenze per la presenza di uvetta e canditi. Entrambi però non mancano mai sulle tavole degli italiani nel periodo natalizio.

Si tratta di un dolce che presenta una tipica forma di stella ad 8 punte e che viene ottenuto da un impasto lievitato molto laborioso a base di farina, uova, burro, zucchero e profumo di vaniglia. 

Vediamo nello specifico come si prepara il pandoro, ecco a voi la ricetta originale!

Ma prima vediamo cosa può servirvi per preparare questa ricetta del pandoro:

<<<Stampo pandoro

<<<Mattarello in legno

Pandoro: la ricetta originale

Recipe by RedazioneCuisine: Cucina venetaDifficulty: Molto difficile
Porzioni

1

pandoro
Preparazione

72

hours 
Cottura

45

minutes
Tempo totale

72

hours 

45

minutes

Il Pandoro è un dolce della tradizione pasticcera veronese ma diventato simbolo delle tradizioni gastronomiche del Natale, insieme al panettone.

Preparazione

  • In una ciotola mettete 2 cucchiai di farina, aggiungete il lievito sbriciolato poi versate pochissima acqua e con le dita impastate e formatene una pallina; che coprite e lasciate lievitare fino a che s’’è raddoppiato il volume.
  • A parte, in un contenitore più grande, versate circa 80 g di farina, calate un cucchiaio di zucchero, sgusciate un uovo intero e un tuorlo, unite g 15 circa di burro fuso, poi la pallottola lievitata, quindi impastate il tutto, ricoprite con un tovagliolo e fate lievitare, nei pressi di una fonte di calore, fin quando il volume s’è raddoppiato.
  • Sulla spianatoia versate circa g 200 di farina aperta a cratere, calate 2 cucchiai di zucchero, unite 20 g di burro sciolto, sgusciate un uovo intero e 2 tuorli, salate (poco), aggiungete la vaniglina, poi l’impasto lievitato e lavorate come al solito, infarinando ogni tanto per ottenere un composto liscio, morbido, abbastanza elastico; da seguitare a manipolare.
  • Questa massa copritela e lasciatela lievitare almeno 4 ore. Ripresa la pasta, sul piano di lavoro infarinato pressatela con le mani per sgonfiarla, ripiegandola più volte; assottigliatela con il mattarello, poi distribuitevi sopra riccioli di burro (il rimanente), ripiegate nuovamente come si usa per la pasta frolla, pressatela con il mattarello, poi ripiegatela in tre parti e fatela riposare, coperta, per un’altra mezz’ora.
  • La pasta, ora, va assottigliata con il mattarello, quindi ripiegata, assottigliata e ripiegata su se stessa; copritela e lasciatela riposare un’altra mezz’ora. Finalmente con le mani lavorate l’amalgama molto lentamente senza scaldarlo, cercando di arrotolarlo.
  • Durante tutte le fasi della lavorazione è importante avere della farina a disposizione, per le mani, per il piano di lavoro.
    Versate la massa nello stampo imburrato e zuccherato, poi copritelo e lasciatelo riposare (lievitare) nei pressi di una fonte di calore, fin quando il volume ha raggiunto il bordo.
  • Passate il pandoro in forno (caldo a 180-190°) e lasciatelo cuocere, avendo l’accortezza dopo 15 minuti di abbassare il calore, cosicché possa cuocersi lentamente anche all’interno. Trascorsa mezz’ora di forno il dolce dovrebbe essere cotto a puntino; lasciatelo raffreddare, toglietelo dallo stampo, spolverizzatelo abbondantemente con lo zucchero a velo e servitelo.
Leggi anche  Tiramisù: la ricetta originale

Foodtop consiglia il vino adatto a questa ricetta

Abbiamo selezionato per voi il vino perfetto per accompagnare e abbinare a questa ricetta del pandoro:

Spumante

1 – Spumante Metodo classico Pas Dosé – D’Araprì

2 – Spumante Riesling Doc Martini

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Un saluto!

redazione

Scritto da redazione

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Bianchi, neri o al latte: le ricette per preparare gli irresistibili tartufi di cioccolato

Riso Carnaroli. Alla ricerca del migliore in commercio