in

Osterie d’Italia 2022: arriva la Guida di Slow Food sugli indirizzi da non perdere, da Nord a Sud

 

Sono 246 le super-osterie d’Italia che hanno meritato la Chiocciola che Slow Food assegna alle insegne che si distinguono per la qualità della proposta gastronomica. È disponibile, infatti, la Guida Osterie d’Italia 2022, attesissima come ogni anno da tutti gli appassionati di buona cucina della Penisola.

Oltre alle Chiocciole che indicano i locali da non perdere, sono altre 1467 le realtà recensite dall’editore, che da sempre è attento a un approccio al food “pulito e giusto”. Scopriamo insieme tutte le novità e gli indirizzi da appuntarsi per pranzi e cene imperdibili per l’anno nuovo!

Osterie d’Italia 2022: la Guida di Slow Food

La Regione d’Italia che si conferma in vetta alla classifica con più locali premiati è la Campania con 23 Chiocciole, seguita da Toscana e Piemonte ferme a 22 e, poi, Puglia ed Emilia-Romagna con 19. Ma nel complesso la Guida dà un segnale di rilancio per il settore della ristorazione, fortemente condizionato dalla pandemia, e l’auspicio è che si possa ripartire proprio dalle osterie come modello sostenibile di offerta gastronomica rivolta anche al turista gastronomico.

Ozgur Coskun/shutterstock.com

In occasione della presentazione al Piccolo Teatro Strehler di Milano, Eugenio Signoroni, uno dei due curatori della Guida, ha commentato: “”L’ottimo risultato delle osterie, anche quando messe a confronto con altre realtà del settore ristorativo, è un diretto riflesso della struttura delle stesse. La maggior parte infatti sono locali gestiti a livello familiare o amicale, il che ha permesso una flessibilità e un adattamento notevole durante periodi di grande cambiamento come quello appena vissuto, perché liberi da logiche economiche molto più rigide, impostate. Un altro elemento è dato dalla peculiare accoglienza di questi luoghi, facilmente riconosciuti dal pubblico. Non per ultimo, resta il fatto che le osterie siano (e siano anche riconosciute) come luoghi più accessibili, nel prezzo come nel servizio, nel modo di porsi, nella cucina. Come già dimostrano i numeri della Guida 2022, siamo convinti che quello dell’osteria sarà il modello ristorativo che meglio reggerà.”

Gli fa eco l’altro curatore, Marco Bolasco, che guarda all’anno che verrà con fiducia: “Il 2022 sarà l’anno della riscossa e la pandemia lo ha già dimostrato: la prova di resilienza che le trattorie e osterie italiane hanno dato dimostra quanto queste siano la vera spina dorsale della ristorazione italiana.”

Come sono cambiate le osterie in Italia?

La presentazione della Guida di Slow Food è occasione per fotografare l’evoluzione e i cambiamenti delle osterie. Luoghi che rappresentano la cucina genuina, la convivialità e il contatto con il territorio e che si dimostrano sempre più apprezzati anche dai palati gourmand. Sono 120 in più rispetto al 2020 le realtà recensite tra le Osterie d’Italia, molte delle quali aperte proprio durante la pandemia.

L’emergenza Covid-19 ha avuto anche altri effetti sulle osterie visitate dalla rete di critici, anonimi, di Slow Food. È calato generalmente il numero di coperti e sono cambiati gli orari di apertura, allo stesso tempo sono invece cresciuti i dehors e, complessivamente, anche i prezzi medi. Quest’ultimo è un aspetto che i curatori hanno voluto evidenziare senza intervenire, ma descrivendolo come un trend generale. Soltanto nei casi in cui si paga effettivamente più della media è stato inserito un simbolo che lo indica al lettore.

osteria pranzo

Yulia Grigoryeva/shutterstock.com

Su questo tema e, più in generale, sul valore della sostenibilità in osteria si è soffermato anche Carlo Petrini, fondatore e presidente di Slow Food, che si è rivolto proprio a osti e ostesse: “Il più importante auspicio che vi faccio per questa ripartenza è di cogliere l’opportunità di educare i vostri clienti a rispettare i tempi del lavoro e i ruoli all’interno del vostro locale. In questi giorni si dice che non si trovano camerieri, ma alla base ci deve essere dignità del lavoro, riconosciuta a tutti i ruoli e non solo ai cuochi blasonati. Affinché il vostro lavoro sia sostenibile dovete fare in modo che duri nel tempo ciò che avete costruito, a partire da una vita gratificante, dalla possibilità di conoscere il territorio e di creare legami forti con i produttori della vostra zona”.

Tutti i premi della guida Osterie d’Italia

Prima di scoprire tutte le realtà a cui è stata riconosciuta la Chiocciola quest’anno, parliamo dei sei premi speciali assegnati quest’anno. Il premio per il Miglior Oste va in Toscana, a Il Grillo è Buoncantore a Chiusi, in provincia di Siena, dove Tiziana Tacchi è, secondo Slow Food, una delle cuoche che incarna meglio l’idea di oste-attivista.

Miglior giovane è l’Epiro di Roma, la Miglior carta dei vini è quella del Consorzio di Torino. Premiato il Lerchner’s in Runggen di San Lorenzo di Sebato, in provincia di Bolzano, per la miglior interpretazione della cucina regionale e l’Arrogant Pub di Reggio Emilia per la dispensa, fornita di prodotti eccellenti per profondità, attenzione al territorio e identità.

La novità più interessante di quest’anno? Il Columbus Capri di Anacapri (NA) a cui viene riconosciuta la capacità di offrire, in un contesto turistico, una ristorazione coerente con i principi di Slow food. “Columbus” si legge nelle motivazioni, “è il luogo ideale per gustare la cucina isolana con tante materie prime che provengono dai campi di proprietà presenti sull’isola: legumi, tra cui l’eccellente cicerchia di Capri, e olio evo ‘Oro di Capri’ sono i punti di forza di Vincenzo Torelli”.

Le Chiocciole Regione per Regione

È giunto il momento di prendere carta e penna, esplorare le migliori Osterie d’Italia della Guida di Slow Food e programmare i prossimi viaggi, vicini o lontani.

Piemonte

  • Osteria dell’Arco – Alba (CN)
  • Battaglino – Bra (CN)
  • Boccondivino – Bra (CN)
  • Violetta – Calamandrana (AT)
  • Il Moro – Capriata d’Orba (AL)
  • Cacciatori – Cartosio (AL)
  • Madonna della Neve – Cessole (AT)
  • La Torre – Cherasco (CN)
  • Locanda dell’Arco – Cissone (CN)
  • La Speranza – Farigliano (CN)
  • Lou Pitavin – Marmora (CN)
  • Repubblica di Perno – Monforte d’Alba (CN)
  • Cantina dei Cacciatori – Monteu Roero (CN)
  • Corona di Ferro – Saluzzo (CN)
  • Osteria della Pace – Sambuco (CN)
  • Del Belbo da Bardon – San Marzano Oliveto (AT)
  • La Coccinella – Serravalle Langhe (CN)
  • Impero – Sizzano (NO)
  • Antiche Sere – Torino
  • Consorzio – Torino
  • Locanda del Falco – Valdieri (CN)
  • Paolino – Vercelli

Liguria

  • Cian de Bià – Badalucco (IM)
  • Magiargè Vini e Cucina – Bordighera (IM)
  • Mse Tutta – Calizzano (SV)
  • Il Castagneto – Castiglione Chiavarese (GE)
  • A Viassa – Dolceacqua (IM)
  • Raieü – Lavagna (GE)
  • Ligagin – Lumarzo (GE)
  • Baccicin du Caru – Mele (GE)
  • La Brinca – Ne (GE)
  • U Giancu – Rapallo (GE)

Lombardia

  • Visconti – Ambivere (BG)
  • Le Frise – Artogne (BS)
  • La Madia – Brione (BS)
  • Locanda degli Artisti – Cappella de’ Picenardi (CR)
  • Hostaria Viola – Castiglione delle Stiviere (MN)
  • Da Sapì – Esine (BS)
  • Antica Trattoria Piè del Dos – Gussago (BS)
  • Caffè la Crepa – Isola Dovarese (CR)
  • Al Resù – Lozio (BS)
  • Mirta – Milano
  • Ratanà – Milano
  • Trippa – Milano
  • Prato Gaio – Montecalvo Versiggia (PV)
  • Guallina – Mortara (PV)
  • Osteria della Villetta – Palazzolo sull’Oglio (BS)
  • Trattoria dell’Alba -Piadena Drizzona (CR)
  • Osteria del Miglio 2.10 – Pieve San Giacomo (CR)
  • Lago Scuro – Stagno Lombardo (CR)
  • Lamarta – Treviso Bresciano (BS)

gph-foto.deshutterstock.com

Trentino

  • Maso Santa Romina – Canal San Bovo (TN)
  • Osteria della Locanda Fiore – Comano Terme (TN)
  • Locanda delle Tre Chiavi – Isera (TN)
  • Boivin – Levico Terme (TN)
  • Lusernarhof – Luserna (TN)
  • Osteria Storica Morelli – Pergine Valsugana (TN)
  • Nerina – Romeno (TN)
  • Rifugio Maranza – Trento

Alto Adige Südtirol

  • Kürbishof – Anterivo-Altrei (BZ)
  • Oberraut – Brunico-Bruneck (BZ)
  • Alter Fausthof – Fiè allo Sciliar-Voels am Schlern (BZ)
  • Pitzock – Funes (BZ)
  • Lanzenschuster – San Genesio Atesino – Jenesien (BZ)
  • Lamm Mitterwirt – San Martino in Passiria – Sankt Martin in Passeier (BZ)
  • Waldruhe – Sesto-Sexten (BZ)
  • Durnwald – Valle di Casies-Gsies (BZ)

Veneto

  • Laita La Contrada del Gusto – Altissimo (VI)
  • Zamboni – Arcugnano (VI)
  • Alle Codole – Canale d’Agordo (BL)
  • Pironetomosca – Castelfranco Veneto (TV)
  • Dai Mazzeri – Follina (TV)
  • Enoteca della Valpolicella – Fumane (VR)
  • Al Ponte – Lusia (RO)
  • Madonnetta – Marostica (VI)
  • Il Sogno – Mirano (VE)
  • Da Paeto – Pianiga (VE)
  • Arcadia – Porto Tolle (RO)
  • Locanda Solagna – Quero Vas (BL)
  • Al Forno – Refrontolo (TV)
  • Antica Trattoria al Bosco – Saonara (PD)
  • San Siro – Seren del Grappa (BL)
  • Da Doro – Solagna (VI)
  • Isetta – Val Liona (VI)

Friuli Venezia Giulia

  • Ai Cacciatori – Cavasso Nuovo (PN)
  • Borgo Poscolle – Cavazzo Carnico (UD)
  • Al Castello – Fagagna (UD)
  • Rosenbar – Gorizia
  • Ivana & Secondo – Pinzano al Tagliamento (PN)
  • Devetak – Savogna d’Isonzo – Sovodnje ob Soci (GO)
  • Stella d’Oro – Verzegnis (UD)

Emilia-Romagna

  • Osteria Bottega – Bologna
  • Trattoria di Via Serra – Bologna
  • La Lanterna di Diogene – Bomporto (MO)
  • Campanini – Busseto (PR)
  • Locanda Mariella – Calestano (PR)
  • Laghi – Campogalliano (MO)
  • Badessa – Casalgrande (RE)
  • Da Faccini – Castell’Arquato (PC)
  • La Baita – Faenza (RA)
  • Entrà – Finale Emilia (MO)
  • La Campanara – Galeata (FC)
  • Antica Locanda del Falco – Gazzola (PC)
  • Antica Trattoria Cattivelli – Monticelli d’Ongina (PC)
  • Osteria di Rubbiara – Nonantola (MO)
  • Ostreria Pavesi – Podenzano (PC)
  • Osteria dei Frati – Roncofreddo (FC)
  • Amerigo dal 1934 – Valsamoggia (BO)
  • Trattoria del Borgo – Valsamoggia (BO)
  • Il Cantacucco – Zocca (MO)

Toscana

  • Aiuole – Arcidosso (GR)
  • La Lina – Bagnone (MS)
  • Il Tirabusciò – Bibbiena (AR)
  • Osteria da Mi Pa’ – Capannori (LU)
  • Il Grillo è Buoncantore – Chiusi (SI)
  • La Solita Zuppa – Chiusi (SI)
  • Osteria del Teatro – Cortona (AR)
  • Da Burde – Firenze
  • Il Cibreo Trattoria – Firenze
  • La Burlanda – Fosdinovo (MS)
  • Mangiando Mangiando
  • Greve in Chianti (FI)
  • Oste Scuro – Grosseto
  • Il Mecenate – Lucca
  • Da Roberto Taverna in Montisi – Montalcino (SI)
  • Belvedere – Monte San Savino (AR)
  • L’Oste Dispensa – Orbetello (GR)
  • Caveau del Teatro – Pontremoli (MS)
  • La Tana degli Orsi – Pratovecchio Stia (AR)
  • Caciosteria dei Due Ponti – Sambuca Pistoiese (PT)
  • Antico Ristoro Le Colombaie – San Miniato (PI)
  • Il Conte Matto – Trequanda (SI)
  • Buonumore – Viareggio (LU)

Umbria

  • L’Acquario – Castiglione del Lago (PG)
  • La Miniera di Galparino – Città di Castello (PG)
  • Tipico Osteria dei Sensi – Montone (PG)
  • I Birbi – Perugia
  • Stella – Perugia
  • Il Capanno – Spoleto (PG)

Marche

  • Osteria del Castello – Arquata del Tronto (AP)
  • Agra Mater – Colmurano (MC)
  • Da Maria – Fano (PU)
  • Gallo Rosso – Filottrano (AN)
  • Ophis – Offida (AP)
  • Da Rita – San Benedetto del Tronto (AP)
  • Vino e Cibo – Senigallia (AN)

Lazio

  • Nu’ Trattoria Italiana dal 1960 – Acuto (FR)
  • Iotto – Campagnano di Roma (RM)
  • Lo Stuzzichino – Campodimele (LT)
  • Trattoria del Cimino – Caprarola (VT)
  • La Piazzetta del Sole – Farnese (VT)
  • L’Oste della Bon’Ora – Grottaferrata (RM)
  • Sora Maria e Arcangelo – Olevano Romano (RM)
  • Osteria del Vicolo Fatato – Piglio (FR)
  • Da Armando al Pantheon – Roma
  • Da Cesare – Roma
  • Grappolo d’Oro – Roma
  • Pro Loco D.O.L. – Roma
  • Trattoria Popolare L’Avvolgibile – Roma
  • Il Casaletto – Viterbo

Abruzzo

  • PerVoglia – Castellalto (TE)
  • Zenobi – Colonnella (TE)
  • La Bilancia – Loreto Aprutino (PE)
  • Sapori di Campagna – Ofena (AQ)
  • Taverna de li Caldora – Pacentro (AQ)
  • Font’Artana – Picciano (PE)
  • Vecchia Marina – Roseto degli Abruzzi (TE)
  • La Corte – Spoltore (PE)
  • Cibo Matto – Vasto (CH)

Molise

  • Locanda Mammì – Agnone (IS)
  • La Grotta da Concetta – Campobasso

Puglia

  • Le Macare – Alezio (LE)
  • Antichi Sapori – Andria
  • PerBacco – Bari
  • Antica Osteria La Sciabica – Brindisi
  • Casale Ferrovia – Carovigno (BR)
  • Cibus – Ceglie Messapica (BR)
  • ‘U Vulesce – Cerignola (FG)
  • La Cuccagna – Crispiano (TA)
  • La Taverna del Duca – Locorotondo (BA)
  • Canneto Beach 2 – Margherita di Savoia (BT)
  • Masseria Barbera – Minervino Murge (BT)
  • L’Antica Locanda – Noci (BA)
  • Peppe Zullo – Orsara di Puglia (FG)
  • La Piazza – Poggiardo (LE)
  • Botteghe Antiche – Putignano (BA)
  • Mezza Pagnotta-Cucina Etnobotanica – Ruvo di Puglia (BA)
  • La Fossa del Grano – San Severo (FG)
  • La Locanda di Nonna Mena – San Vito dei Normanni (BR)
  • Ristorante Lilith – Vernole (LE)

Campania

  • La Pignata – Ariano Irpino (AV)
  • Valleverde Zi’ Pasqualina – Atripalda (AV)
  • ‘A Luna Rossa – Bellona (CE)
  • Tre Sorelle – Casal Velino (SA)
  • Gli Scacchi – Caserta
  • Fontana Madonna – Frigento (AV)
  • La Pergola – Gesualdo (AV)
  • Fenesta Verde – Giugliano in Campania (NA)
  • La Marchesella – Giugliano in Campania (NA)
  • Il Focolare – Isola d’Ischia (NA)
  • Lo Stuzzichino – Massa Lubrense (NA)
  • Antica Trattoria Di Pietro – Melito Irpino (AV)
  • I Santi – Mercogliano (AV)
  • Da Donato – Napoli
  • Famiglia Principe 1968 – Nocera Superiore (SA)
  • Osteria del Gallo e della Volpe – Ospedaletto d’Alpinolo (AV)
  • Perbacco – Pisciotta (SA)
  • Abraxas – Pozzuoli (NA)
  • La Ripa – Rocca San Felice (AV)
  • ‘E Curti – Sant’Anastasia (NA)
  • ‘O Romano – Sarno (SA)
  • La Piazzetta – Valle dell’Angelo (SA)
  • Il Cellaio di Don Gennaro

Basilicata

  • Gagliardi – Avigliano (PZ)
  • Forentum – Lavello (PZ)
  • Da Peppe – Rotonda (PZ)

Calabria

  • Pecora Nera – Albi (CZ)
  • Il Tipico Calabrese – Cardeto (RC)
  • La Taverna dei Briganti – Cotronei (KR)
  • Il Ritrovo dei Picari – Grotteria (RC)
  • La Collinetta – Martone (RC)
  • Calabrialcubo – Nocera Terinese (CZ)
  • La Tana del Ghiro – San Sosti (CS)
  • Il Vecchio Castagno – Serrastretta (CZ)

Sicilia

  • Gente di Mare – Aci Castello (CT)
  • Terracotta – Agrigento
  • Giardino di Venere – Castelbuono (PA)
  • Nangalarruni – Castelbuono (PA)
  • Oasi Osteria del Mare – Licata (AG)
  • 4 Archi – Milo (CT)
  • Andrea – Palazzolo Acreide (SR)
  • Lo Scrigno dei Sapori – Palazzolo Acreide (SR)
  • Trattoria del Gallo – Palazzolo Acreide (SR)
  • Corona Trattoria – Palermo
  • Da Luciana – San Piero Patti (ME)
  • Al Ritrovo – San Vito Lo Capo (TP)
  • Fratelli Borrello – Sinagra (ME)
  • Mamma Iabica – Siracusa (ME)
  • Cantina Siciliana – Trapani
  • Caupona Taverna di Sicilia – Trapani

Sardegna

  • La Locanda dei Buoni e Cattivi – Cagliari
  • Su Tzilleri – Cagliari
  • Su Recreu – Ittiri (SS)
  • Il Portico – Nuoro
  • Il Rifugio – Nuoro
  • Letizia – Nuxis (SU)
  • La Rosa dei Venti – Sennariolo (OR)

Alcune di queste osterie sono già tra le vostre preferite?

Leggi anche

  • Alla scoperta dei “tesori del gusto” della Food Valley parmense: i Musei del Cibo

L’articolo Osterie d’Italia 2022: arriva la Guida di Slow Food sugli indirizzi da non perdere, da Nord a Sud sembra essere il primo su Giornale del cibo.

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per la scelta del prodotto migliore. Un saluto!

Scritto da Gambero Rosso

Gambero Rosso è la piattaforma leader per contenuti, formazione, promozione e consulenza nel settore del Wine Travel Food italiani. Offre una completa gamma di servizi integrati per il settore agricolo, agroalimentare, della ristorazione e dell’hospitality italiana che costituiscono il comparto di maggior successo con un contributo rilevante per la crescita costante dell’economia.

Cosa ne pensi?

McDonald’s alle Terme di Caracalla a Roma. Arriva il NO anche del Consiglio di Stato

La triplice sfida della Franciacorta: zonazione 3.0, sostenibilità e vitigni storici