in ,

Olio EVO migliore: i 10 top che devi assolutamente provare!

Guida all’acquisto dell’olio EVO: Classifica e prezzi

olio-evo-migliore

Sei alla ricerca dell’ Olio Evo Migliore al Mondo? Sei arrivato nel posto giusto! Il team di Foodtop in questo post ha selezionato e recensito per te le latte di olio evo più apprezzate per caratteristiche e per rapporto qualità/prezzo dai clienti Amazon. Ma prima di arrivare alla classifica del miglior olio extravergine di oliva vediamo nello specifico cos’è l’Olio EVO, le sue origini e come viene realizzato, le tipologie e classificazioni di olio evo disponibili.

L’Olio Evo è un alimento di altissima qualità che impreziosisce qualsiasi piatto ma, al contempo, apporta notevoli benefici alla nostra salute. 

L’olio evo è il condimento più pregiato, nonché più utilizzato, della dieta mediterranea, considerato dagli esperti come il grasso migliore per l’alimentazione umana, il Top.
Ma cosa lo rende così speciale? Scopriamo insieme cos’è l’olio evo, cosa lo differenzia dagli altri oli d’oliva e perché è più pregiato. Impariamo anche ad assaggiarlo, a riconoscere i segni distintivi di un olio evo di qualità. Scopriamo insieme questo elisir unico ed irresistibile!

Olio d’oliva: classificazione

L’olio di oliva è un olio alimentare estratto dalle olive; si ottiene dalla spremitura del frutto dell’ulivo mediante processi meccanici e fisici in condizioni termiche controllate. 

Si tratta di un prodotto caratteristico della tradizione agroalimentare del Mediterraneo e fondante della dieta delle regioni mediterranee. 

L’olio ottenuto dalla lavorazione delle olive può essere classificato poi in diverse tipologie. É la legge stessa a definire quali siano i parametri per la classificazione: 

  • acidità libera (in % di acido oleico)
  • numero dei perossidi (in meq. di Ossigeno/Kg di olio)
  • valutazione organolettica mediante panel test (in base al Reg. CE 2568/1991, relativo alle caratteristiche degli oli d’oliva e degli oli di sansa d’oliva nonché ai metodi ad essi attinenti). 

Il regolamento CE 2568/91 e in ultimo il regolamento CE 1989/03 hanno regolamentato le denominazioni commerciali degli oli di oliva andando pertanto a determinare una classificazione dei tipi di olio di oliva: 

  • Olio extra vergine di oliva, detto anche Olio EVO: acidità massima 0,8 ed estrazione con soli metodi meccanici;
  • Olio di oliva vergine: acidità compresa tra 0,8 e 2 ed estrazione con soli metodi meccanici;
  • Olio di oliva lampante: acidità maggiore di 2,0 ed estrazione con soli metodi meccanici, ma non utilizzabile per il consumo alimentare;
  • Olio di oliva raffinato: acidità minore o uguale a 0,3 ed ottenuto tramite rettificazione di oli vergini lampanti con metodi fisici e chimici e successiva raffinazione;
  • Olio di sansa

I regolamenti vanno a stabilire i limiti di acidità, di tipologie di produzione, il tenore di cere ed altri parametri chimico-fisici. La tipologia di olio di oliva per eccellenza è l’olio extra vergine di oliva, conosciuto anche come Olio EVO.

Cos’è l’Olio Evo? Cosa significa Olio Evo? Scopriamolo insieme!

Volendo darne una definizione precisa possiamo citare il Regolamento 29/2012 relativo alle norme di commercializzazione dell’olio d’oliva che lo definisce così: l’olio extra vergine di oliva, Olio EVO, è l’olio di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici.

Una caratteristica fondamentale, però, è l’acidità libera, espressa in acido oleico: un olio d’oliva per essere definito “Extravergine d’Oliva” deve avere una acidità al massimo di 0,8 g per 100 g. Infatti l’acidità, cioè la concentrazione di acidi grassi liberi, è uno dei parametri fondamentali per valutare qualitativamente l’olio. 

Ora sapete cosa significa Olio Evo

Forse non sapete però che l’acronimo è stato coniato da Stefano Epifani, dottore agronomo che collabora con molte Università e Istituzioni, che ha voluto distinguerlo dagli altri oli per esaltarne la qualità e garantirne la riconoscibilità.

La Produzione di Olio EVO: le fasi

La produzione dell’olio si realizza attraverso una serie di fasi che si susseguono e portano sulle nostre tavole questo incredibile nettare. 

La prima fase è la raccolta delle olive. Tra metà ottobre fino a dicembre negli uliveti italiani decine di operatori ed agricoltori raccolgono con le reti i frutti delle piante di ulivo. La raccolta avviene facendo cadere sulle reti, poste sotto gli alberi, le olive battendo i rami con bastoni flessibili. Molti utilizzano degli abbacchiatori meccanici che scuotono i rami provocando la caduta delle olive. In altre parti d’Italia viene attesa la completa maturazione del frutto che cade naturalmente. Esistono metodi di raccolta interamente meccanizzata tramite macchine scuotitrici con intercettatori delle olive a ombrello, in impianti di oliveto coltivati allo scopo (superintensivi).

Dopo la raccolta le olive vengono stoccate in bin di plastica o sacchi per passare alla fase successiva.    

La seconda fase è quella dell’Estrazione

Come abbiamo visto in precedenza una caratteristica fondamentale per l’olio di oliva vergine e per l’olio extravergine di oliva è che avviene esclusivamente con processi meccanici. 

Le tecniche di estrazione possono essere a pressione, più classica, e quella per centrifugazione, più moderna. 

In generale la linea di produzione di un oleificio comprende cinque fasi fondamentali:

  • operazioni preliminari;
  • molitura;
  • estrazione del mosto di olio;
  • separazione dell’olio dall’acqua;
  • stoccaggio, chiarificazione e imbottigliamento.

Una fase importante che vogliamo sottolineare è la filtrazione. Alcuni produttori scelgono di applicarla mentre altri decidono di commercializzare prodotti non filtrati. Ogni scelta ha dei pro e dei contro. L’olio non filtrato presenta un sapore sicuramente più deciso, più “vero”. D’altro canto, con il passare del tempo, si formerà un deposito sul fondo portando ad un più rapido invecchiamento. L’olio filtrato invece ha una shelf-life maggiore, giungendo al completamento inalterato, aumenta quindi la sua conservabilità.

I benefici dell’Olio EVO: le proprietà che fanno bene al nostro organismo

Ma l’olio extravergine di oliva non è solo incredibilmente buono; è anche benefico per la nostra salute.  

Partiamo dai valori nutrizionali dell’olio Evo. L’extravergine è ricco al 99% di lipidi formati da trigliceridi, a loro volta costituiti da acidi grassi. 

Inoltre l’olio evo è ricco di polifenoli, degli antiossidanti che combattono i radicali liberi in modo tale da ritardare l’invecchiamento delle cellule. In età infantile contribuisce ad una corretta crescita e alla formazione delle ossa. Mentre in età adulta è consigliato soprattutto per proteggere l’apparato cardiovascolare e per la sua azione antiossidante.

Inoltre l’olio Evo è un concentrato di vitamine, ideale per integrare una sana e corretta alimentazione. Troviamo, infatti, Vitamina E e K ma anche diversi minerali come potassio, calcio, ferro, sodio e zinco. 

I benefici per la salute dell’Olio EVO sono molteplici: riduce il colesterolo cattivo (HLD) e aumenta quello buono (HDL) favorendo la pulizia delle arterie. Inoltre abbassa la pressione arteriosa e previene l’osteoporosi, favorendo l’assorbimento di calcio. 

Sulle proprietà antiossidanti possiamo dire che  il suo utilizzo limita la comparsa di tumori, soprattutto quello al seno. Infine alcuni studi hanno dimostrato che il consumo di olio evo possa ritarda lo sviluppo dell’Alzheimer.

Come riconoscere un Olio Evo di qualità

Per poter valutare al meglio le caratteristiche di un olio EVO e riconoscere quelli di maggiore qualità è necessario tenere sotto controllo diversi elementi ed aspetti. Essenzialmente possiamo racchiudere la valutazione di un olio EVO di qualità in 3 prove: 

  1. Prova visiva: si valuta il colore ed il corpo;
  2. Prova olfattiva: si valutano i sentori, gli odori;
  3. Prova del gusto: si valutano i sapori aromatici ed i retrogusti. 

Per quanto riguarda l’aspetto visivo dobbiamo subito dirvi che è la prova meno affidabile. Questo perchè il colore di un olio può essere facilmente “sistemato”: olio con olive vecchie e poi rettificate, olio verdone ottenuto grazie all’aggiunta di clorofilla, olio allungato o colorato ecc.). In assenza di alterazioni però possiamo valutare il colore dell’olio seguendo queste indicazioni: se l’olio è verde l’olio viene da olive poco mature; se l’olio è oro brillante l’olio è ottenuto da olive con la giusta maturazione; se l’olio è giallino trasparente l’olio è ottenuto da olive troppo mature oppure alterato e di scarsa qualità. Il colore dell’olio evo dipende anche dall’età: solitamente l’olio più scuro è più giovane, il più chiaro è più vecchio. 

La prova visiva, oltre al colore, tiene in considerazione anche il corpo, la densità dell’olio. 

La corposità di un buon olio extravergine di oliva, infatti, deve essere media: nè troppo alta come gli oli di semi nè troppo bassa come gli oli vecchi o alterati. 

La seconda prova è quella olfattiva: un buon olio EVO deve emettere un profumo di erba fresca e di olive fresche. 

Se doveste incontrare invece un olio inodore probabilmente siete davanti ad un olio vecchio o contraffatto. Se invece l’odore è di chiuso avete dinanzi a voi un olio conservato in modo inadeguato oppure ottenuto da olive in cattivo stato. Un trucco per poter valutare al meglio l’odore: la temperatura ottimale per la degustazione dell’olio è di circa 27-28 gradi, pertanto potete stringere il bicchiere nel palmo della mano per riscaldarlo prima dell’assaggio. 

Arriviamo alla prova più attesa, quella del gusto. Il sapore dell’olio è l’aspetto che vi farà preferire un olio evo piuttosto che un altro. 

Come regola generale un buon olio EVO sarà leggermente amaro e lievemente piccante. La percezione al gusto sarà fruttata con un’intensità tra il medio ed il dolce in base alla maturazione delle olive ed alle cultivar utilizzate.

Possiamo distinguere 6 gusti dell’olio EVO

  1. Fruttato: sapore e profumo dell’olio che ricorda l’odore ed il gusto del frutto sano, raccolto al momento giusto. 
  2. Amaro: caratteristico dell’olio da olive verdi o che hanno appena iniziato a cambiare colore (per la maturazione). Può essere più o meno intenso e abbinato al sentore di piccante, per mantenere un equilibrio.
  3. Piccante: olio pungente. Si tratta di una caratteristica di pregio degli oli di qualità, ricchi di sostanza antiossidanti. Inoltre è la caratteristica dell’olio fresco e ben conservato. 
  4. Dolce: gradevole, poco aromatico, senza punte di amaro o di piccante
  5. Rotondo: olio aggraziato, senza punte di piccante o amaro.
  6. Armonico: gusto equilibrato e delicato.  

Altri gusti che potrete trovare sono riconducibili a sapori specifici come Erba/Foglia, Mandorla, Carciofo, Pomodoro, Mela, Frutti di bosco ed Erbe aromatiche. Un ultima indicazione che possiamo darvi per riconoscere un olio evo di qualità è quella di osservare bene l’etichetta. Infatti una dicitura molto importante che potete trovare è quella sulla spremitura o estrazione a freddo. Questo è infatti un indice di qualità maggiore in quanto con questo procedimento l’olio evo sarà più ricco di polifenoli e vitamine.

Le Cultivar dell’Olio: le varietà di olive

Per “Cultivar” si intende le diverse varietà di olive coltivate ed il termine deriva dalla contrazione dell’espressione inglese “Cultivated variety”. 

La varietà della pianta di ulivo, e quindi le caratteristiche del frutto (forma, dimensioni, rapporto polpa-nocciolo), influisce in misura rilevante sulle qualità organolettiche dell’olio.

In Italia esiste una ricchezza di varietà che non ha eguali nel mondo. Se in Italia sono oltre 500 le cultivar coltivate, in Spagna solo 138 ed in Grecia 52. 

La biodiversità italiana fa la differenza ancora una volta. Questo, insieme alla grande tradizione italiana, ha permesso di avere una cinquantina di oli extravergine D.o.p. o I.g.p.. 

Monocultivar o blend?

Quante volte avete sentito queste denominazioni quando si parla di olio evo? Ma vediamo che significa. Monocultivar è l’olio evo composto al 100% da olive di una sola varietà; mentre il blend è quando si decide di mescolare diverse varietà di olive. 

Ogni cultivar riesce a donare un tocco di tipicità alle vostre ricette regionali grazie al loro legame con i singoli territori. 

Come detto le cultivar sono molteplici in Italia ma abbiamo deciso di soffermarci su alcune per darvi le giuste indicazioni per una scelta consapevole dell’olio adatto a voi. Ecco una piccola descrizione per le cultivar principali:

  • Coratina: tipica della Puglia, delle provincie di Bari e Foggia. Ottimo olio dal gusto fruttato e fortemente persistente in note amare con una lieve piccantezza.
  • Dritta: Originaria dell’Abruzzo e tipica della provincia di Pescara. I frutti, di forma ellittica, hanno dimensioni medio-piccole; ottima qualità. 
  • Frantoio: originaria della Toscana, delle province di Lucca, Pisa, Pistoia. È una cultivar tra le più diffuse. Olio di colore verde netto con note giallognole. Ha un gusto fruttato.
  • Leccino: originaria della Toscana, questa varietà di olivo si è diffusa nel resto dell’Italia centrale, in Umbria, Abruzzo, Molise, Lazio, Marche. Presenta un colore nero corvino. L’olio ottenuto ha un gusto fruttato con amaro e piccante contenuto o comunque di lieve entità.
  • Moraiola: originaria della Toscana e dell’Umbria (soprattutto a sud di Perugia). Il prodotto è di un colore verde netto, dal gusto fruttato intenso. Decisamente amaro e piccante.
  • Taggiasca: oliva da olio e da mensa della Riviera di Ponente ligure, intorno ad Imperia. L’oliva è molto ricca di olio dall’ottimo sapore fruttato. 
  • Ogliarola: tipica della Puglia, dell’entroterra barese e foggiano. Si trova anche in Basilicata. L’Olio presenta un colore giallo-oro,con leggere sfumature verdi. Gusto fruttato di media intensità, con lievi note amare.
  • Peranzana: oliva della Puglia, nel nord-ovest foggiano. Conosciuta anche come Provenzale, in quanto proveniente dalla Provenza. Presenta una buona carica polifenolica e una media resistenza all’ossidazione. La resa non è molto elevata ma l suo olio è ottimo. Di colore verde-giallo, a bassa acidità, equilibrato, con un fruttato medio armonico con note piccanti e amare e sentori erbacei di mandorla, carciofo e pomodoro. 
  • Bianchera: oliva da olio autoctona del Friuli, con il 70% della coltivazione nel territorio di Trieste e nei colli friulani. Sentore di fruttato intenso e presenta una ricca quantità di polifenoli.

Classifica Olio EVO migliore: i 10 Top

Ora che sapete tutto su questo oro giallo, è tempo di dare spazio alle recensioni dei migliori olio Evo per caratteristiche e per rapporto qualità/prezzo e media recensioni degli utenti che hanno avuto l’occasione di provarli. 

E non dimenticate di dirci la vostra nei commenti: Qual è il vostro Olio EVO preferito?

1 – Le Fascine Olio EVO

Il Frantoio Le Fascine, fondato nel lontano 1987 nel mezzo della straordinaria cornice del Tavoliere delle Puglie, a San Severo (FG) produce e distribuisce ottimo olio extravergine di oliva. 

Questo che vi proponiamo è un Olio EVO 100% italiano, estratto a freddo da olive molite entro 24h dalla raccolta. Si tratta di un Monocultivar Provenzale, che, per le sue straordinarie proprietà organolettiche, è tra le cultivar più pregiate al mondo. Infatti ha una quotazione più alta di altri tipi di olive.

ProduttoreFrantoi LeFas
ProvenienzaPuglia – San Severo (FG)
CultivarMonocultivar Provenzale (Peranzana)
EstrazioneA freddo
FiltratoNon filtrato
GustoFruttato
Tabella Le Fascine

2 – Le Terre di Colombo – Olio EVO

Prodotto per F.lli .Amoretti Di Lorenzo Piccardo & Savoré Srl a Chiusavecchia (IM) in Liguria da F.lli Merano spa. Si tratta di olio extravergine di oliva prodotto con olive liguri raccolto e lavorato mediante procedimenti meccanici ed estratto a freddo. 

Il suo aroma è piacevole ed equilibrato con sentori di erbe aromatiche e carciofi.  

ProduttoreLe Terre di Colombo
ProvenienzaLiguria – Imperia
CultivarBlend: olive liguri
EstrazioneA freddo
GustoEquilibrato
Tabella Terre di Colombo

3 – Gnavolini Raccolta Sapore – Olio Evo

Gnavolini Raccolta Sapore è un’azienda agro-alimentare umbra, nata ai piedi di Assisi agli inizi degli anni ‘80. Raccolta sapore, attraverso la sua rete distributiva capillare fornisce il suo olio extra vergine di oliva a privati, negozi, catering e ristoranti d’italia e all’estero, abbracciando i mercati europei e nordamericani, alimentando e facendosi promotore così, del buon gusto italiano a tavola.

Questo olio è un olio EVO 100% italiano, estratto a freddo da olive leccino, frantoio, moraiolo ed altre molite a temperatura ambiente entro le 24h dalla raccolta. 

ProduttoreGnavolini Raccolta Sapore
ProvenienzaUmbria
CultivarBlend: Frantoio, Leccino, Moraiolo ed altre
EstrazioneA freddo
FiltratoNon filtrato
GustoArmonico
Tabella Gnavolini Raccolta Sapore

4 – Frantoio Raguso – Olio Evo

Frantoio Raguso nasce a Gravina di Puglia (BA) nel lontano 1894 e da quattro generazioni porta avanti la tradizione olivicola pugliese. 

L’olio Raguso Classico è un olio extravergine di oliva ottenuto dal blend di tre varietà Bambina, Coratina e Peranzana. Le olive vengono lavorate poche ore dopo la raccolta per un olio con bassissima acidità, ricco di antiossidanti, dal fruttato medio. Si presenta con un bel colore verde-giallo di gradevole tonalità mentre in bocca è equilibrato con le sensazioni amare e piccanti piacevolmente sottolineate. 

La sua qualità è stata confermata dalle Tre Foglie d’Oro della Guida Gambero Rosso

Produttore‎Frantoio Raguso
ProvenienzaPuglia – Gravina di Puglia (BA)
CultivarBlend: Bambina, Coratina e Peranzana
EstrazioneA freddo
FiltratoFiltrato
GustoFruttato medio
Tabella Frantoio Raguso

5 – Piana del Lentisco – Olio Evo BIOLOGICO

Piana del Lentisco nasce a Gagliano del Capo (Lecce) dalla passione di un’intera famiglia per l’olivicoltura dal 1856. 

L’Olio Extravergine d’Oliva Piana del Lentisco è biologico, dal gusto delicato e fruttato leggero, con gradevoli note di mandorla dolce, carciofo e foglia di lattuga. Amaro e piccante sono in perfetto equilibrio: al gusto si avvertono una leggerissima nota amara e una piccantezza appena accennata che ben si armonizzano con le complessive sensazioni gustative e olfattive prevalentemente dolci. La cultivar è Leccino

La filtrazione degli oli è una precisa scelta aziendale finalizzata a porre in bottiglie e in commercio solo oli perfettamente puliti, limpidi.  

Produttore‎Piana del Lentisco
ProvenienzaPuglia – Gagliano del Capo (LE)
CultivarMonocultivar: Leccino
EstrazioneA freddo
FiltratoFiltrato
GustoFruttato leggero
Tabella Piana del Lentisco

6 – Frantoio Oleario Cirulli – Olio Evo

Il Frantoio Oleario Cirulli opera nel settore da circa 70 anni, quando Nicola Cirulli iniziò l’attività di molitura iniziando a produrre Olio Extra Vergine ad Andria (Puglia).

Questo olio è realizzato da uliveti monocultivar coratina con estrazione a freddo e non filtrato. É caratterizzato da un aroma fruttato, è ricco in tocoferolo e polifenoli e presenta  bassa acidità oleica.  

Produttore‎Frantoio Oleario Cirulli 
ProvenienzaPuglia – Andria (BAT)
CultivarMonocultivar: Coratina
EstrazioneA freddo
FiltratoNon filtrato
GustoFruttato
Tabella Cirulli

7 – Frantoio Oleario Martino Alfonso – Olio Evo in Bag in Box

Il Frantoio Oleario Martino Alfonso, la cui conduzione familiare si protrae da ben tre generazioni, si trova nel centro della Puglia, a Giovinazzo (Bari).

L’olio presenta una acidità minore dello 0,4%; le olive sono molite entro 24-48 h dalla raccolta e con spremitura a freddo. L’olio prodotto viene ottenuto da due varietà tipiche pugliesi: Coratina, per un olio più fruttato e corposo, e Ogliarola barese, per un olio più delicato e rotondo. 

Al palato si presenta morbido e carezzevole, con un leggero e piacevole retrogusto piccante e di mandorla.

A differenza degli altri questo olio EVO viene commercializzato con l’innovativo contenitore Bag in Box che permette il facile travaso dell’olio attraverso il comodissimo dosatore. 

Produttore‎Frantoio Oleario Martino Alfonso
ProvenienzaPuglia – Giovinazzo (BA)
CultivarBlend: Ogliarola, Coratina barese
EstrazioneA freddo
FiltratoNon filtrato
GustoFruttato medio
Tabella Martino Alfonso

8 – Olio Clemente Le Zagare – Olio Evo

L’Olearia Clemente nasce a Manfredonia (FG), nel Gargano dove da più di cent’anni porta avanti la propria tradizione olearia. 

L’Olio EVO “Le Zagare” è 100% Italiano estratto a freddo, extra vergine d’oliva che prende il nome dai fiori bianchi che impreziosiscono gli agrumeti del Gargano. Il gusto forte ed intenso della coratina viene ammorbidito da un retrogusto mandorlato, grazie alla prevalenza di Ogliarola Garganica. Profumato e armonicamente fruttato, con bassa acidità. 

ProduttoreOlearia Clemente
ProvenienzaPuglia – Manfredonia (FG)
CultivarBlend: Coratina, peranzana, leccina, ogliarola garganica
EstrazioneA freddo
FiltratoNon filtrato
GustoArmonico e fruttato
Tabella Le Zagare

9 – Olio EVO Ogliarò Il Vivace

Questo olio viene prodotto nel territorio di Vieste, perla del Gargano in Puglia dall’azienda agricola Gentile che da generazioni porta avanti con passione ed esperienza la propria attività di olivicoltura. 

L’olio “Ogliarò” è 100% italiano, estratto a freddo da olive entro 24h dalla raccolta. Si tratta di un monocultivar Ogliarola Garganica, una delle cultivar di olivo più antiche al Mondo. Il risultato è un Olio extravergine di oliva fruttato medio, dove amaro e piccante sono ben bilanciati tra loro.

ProduttoreAzienda Agricola Gentile
ProvenienzaPuglia – Vieste (FG)
CultivarMonocultivar: Ogliarola Garganica
EstrazioneA freddo
FiltratoNon filtrato
GustoFruttato medio
Tabella Ogliarò

10 – Olio M’Ama Evì – Olio Evo

Evolio Food coltiva, raccoglie e produce olio Evo a Terlizzi in provincia di Bari. 

L’olio extra vergine di oliva M’ama è prodotto unicamente da olive di varietà coratina raccolte in Puglia, una cultivar in grado di contenere tre volte i polifenoli antiossidanti rispetto ad altri oli. 

Una particolarità di questo prodotto è che, con il suo rapporto nutrizionale, è pensato appositamente per il fabbisogno delle donne in dolce attesa e per la preparazione degli alimenti dei bambini.

È anche consigliato per la preparazione di piatti saporiti grazie al suo retrogusto leggermente amaro ed ai suoi sentori decisi che ben si abbinano a una gran varietà di pietanze.

Produttore‎EVOLIO Food
ProvenienzaPuglia – Terlizzi (BA)
CultivarMonocultivar: Coratina
EstrazioneA freddo
FiltratoNon filtrato
GustoLeggermente amaro
Tabella M’ama

FAQ

Dove si compra l’olio Evo migliore?

L’Olio EVO si può comprare un po’ ovunque. I luoghi più indicati per acquistare olio evo di qualità sono comunque gastronomie e enoteche, aziende agricole o frantoi. Anche online però ormai si possono acquistare latte e bottiglie di olio evo di qualità. Molto spesso i produttori stessi hanno degli shop online oppure vendono su piattaforme come Amazon.

Olio EVO: prezzo?

L’olio di oliva extravergine ha prezzi abbastanza elevati, tra 10,00 e 40,00 euro al litro. Queste cifre sono influenzate da diversi aspetti: le certificazioni, che gli agricoltori devono richiedere per vendere il prodotto le confezioni le modalità di produzione il tempo che trascorre dalla raccolta delle olive alla spremitura fino alla conservazione.

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per la scelta del prodotto migliore. Un saluto!

Scritto da redazione

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Le nostre (succulente) proposte per cucinare lo spezzatino

Gambero Rosso Channel: nei programmi del 20 e 21 novembre, Max Mariola, Giorgione, Peppe Guida