in

Mangiare nel verde a Roma: 4 posti da provare


LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI
THE BEST IN ROME & LAZIO

Ville, parchi, giardini… per una camminata all’aperto o una scampagnata a Roma c’è l’imbarazzo della scelta. Organizzare un pic nic è sempre una buona idea, ma per chi volesse farsi coccolare non mancano ristoranti, bistrot e progetti gastronomici all’aperto per mangiare circondati da fiori e piante. Del resto, cosa c’è di meglio di un aperitivo al parco durante la bella stagione? Ecco 5 indirizzi per mangiare bene nel verde, senza allontanarsi dalla città.

Dove mangiare nel verde a Roma

Scopri i posti per mangiare nel verde a Roma

ViVi Bistrot e Le Serre by Vivi

Una cucina semplice e sfiziosa, che utilizza solo ingredienti biologici per realizzare piatti dal gusto autentico, curati nell’aspetto e perfetti per un pranzo fra amici. Vivi Bistrot è il punto di riferimento per gli abitanti di Monteverde in cerca di una pausa golosa o uno spuntino veloce dopo una passeggiata al parco di Villa Doria Pamphili, grazie alle tante proposte vegane, le opzioni per la colazione o la merenda. Interessante poi il progetto avviato da ViVi alla Camilluccia l’autunno scorso, in particolare il giardino segreto de Le Serre che, in occasione della riapertura dei bellissimi spazi all’aperto, ha offerto ai clienti anche la possibilità di mangiare sul prato, optando per la soluzione ChicNic: due menu in versione picnic, telo, cuscino e cestino di vimini d’ordinanza.

ViVi Bistrot – via Vitellia, 102 – vivibistrot.com/

Le Serre by ViVi – via Decio Filipponi, 1 vivibistrot.com/

Scopri i posti per mangiare nel verde a Roma

Parco Appio

Al parco di fronte alla fonte Egeria torna L’Elementare di Mirko Rizzo (che a Trastevere si trova nella versione indoor), quest’anno insieme a compagni di eccezione che variano di volta in volta. È ripartita la stagione al Parco Appio con il Natural Bar, chioschetto aperto sin dal mattino che ora vede protagonisti i croissant di Casa Manfredi realizzati da Giorgia Proia, le pokè bowl di Antonella Giuffrè e il pop up di Umami durante il fine settimana. Naturalmente, tonde e fritti di Mirko non mancano, ma restate sintonizzati: ci saranno presto altri ospiti.

Parco Appio – via dell’Almone. 105 – facebook.com/parcoappio/

Scopri i posti per mangiare nel verde a Roma

Qvinto

Quello che, per molto tempo, è stato conosciuto per il suo campo rom, dal 2019 è diventato una meta gastronomica: stiamo parlando del parco di Tor di Quinto, dove il ristorante con pizzeria Qvinto ha trasformato il vecchio spazio dismesso in un’area verde suggestiva, con il laghetto e le strutture ecosostenibili per il consumo energetico tutte attorno. La cucina è ricercata, le materie prime sono selezionate con cura, e la pizza è di ottimo livello, fatta alla maniera “ischitana”, con un impasto leggermente diverso rispetto al classico napoletano. Un indirizzo valido anche per aperitivi o dopocena.

Qvinto – via Fornaci di Tor di Quinto, 10 – qvintoroma.it/

Scopri i posti per mangiare nel verde a Roma

Bistrot Bio

Come si intuisce dal nome, i prodotti sono tutti certificati biologici, provenienti da agricoltura sana e di produzione locale. Ma il punto di forza del bistrot è la posizione privilegiata all’interno della riserva naturale Valle dei Casali, nel cuore di Monteverde, che permette di godersi una cena romantica circondati da alberi e piante. Il menu è originale e cambia di continuo, seguendo il ritmo delle stagioni e dando risalto agli ingredienti, veri protagonisti dei piatti.

Bistrot Bio – via del Casaletto, 400 – bistrotbio.com/

a cura di Michela Becchi

Leggi anche Ristoranti all’aperto a Roma

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per la scelta del prodotto migliore. Un saluto!

Cosa ne pensi?

Written by redazione

Alain Ducasse dice addio al Plaza Athénée. Fine di un’epoca per la ristorazione d’hotel a Parigi

Praga, Firenze, il Four Seasons e i progetti futuri. Intervista a Vito Mollica