in

La Lega si spacca sul caso Montepulciano. Le Marche chiedono spiegazioni a Lollobrigida

Resa dei conti in casa Lega per la questione Montepulciano. Il botta e risposta tra i consorzi del vino di Abruzzo e Marche sull’utilizzo in retroetichetta del nome del vitigno – montepulciano o cordisco – finisce in campo politico, come avevamo previsto nell’articolo “Il regalo di Lollobrigida all’Abruzzo: per evitare concorrenza all’Abruzzo resuscita il sinonimo cordisco” 

Antonini (Marche): “Necessario incontro”

A raccogliere il guanto di sfida, lanciato pochi giorni fa dal vicepresidente e assessore all’Agricoltura dell’Abruzzo Emanuele Imprudente, è l’assessore all’agricoltura della Regione Marche Andrea Maria Antonini: “È necessario un incontro sulla questione della denominazione Montepulciano. Alla luce della revisione delle regole sull’etichettatura, l’utilizzo del sinonimo cordisco, peraltro introdotto senza alcun preliminare confronto con le Regioni, rischia di legittimare una regione ad impedire ad altre l’uso del nome di un vitigno che, invece, è regolarmente e storicamente coltivato e conosciuto”. Antonini ha, quindi, richiesto un incontro a tre – Masaf, Marche e Abruzzo – a livello nazionale per risolvere la questione una volta per tutte.

Perché il Masaf ha resuscitato il sinonimo cordisco

D’altronde è proprio a livello nazionale che si è ritenuto di dare seguito alla proposta sui generis il Consorzio di tutela Vini d’Abruzzo di riesumare il nome cordisco.
Il motivo è presto spiegato: assicurarsi l’esclusiva del nome montepulciano ed evitare che, con il nuovo regolamento etichettatura (che prevede il riferimento in retroetichetta ai vitigni utilizzati nei blend dei vini) i produttori fuori Regione possano in futuro utilizzarlo.
L’obiettivo lo ha confermato, suo malgrado, lo stesso vicepresidente e assessore all’Agricoltura dell’Abruzzo, Emanuele Imprudente, esultando alla notizia della reintroduzione del sinonimo cordisco nel Registro nazionale della vite: “Si tratta di un decreto che pone le basi affinché l’utilizzo del nome Montepulciano sia riservato, senza generare confusione, ai vini prodotti in Abruzzo sgombrando il campo da eventuali fraintendimenti”.

Assessore Marche: “Cordisco: un via libera strumentale”

“Spiegare un vino attraverso l’uso di un sinonimo desueto, al punto da essere sconosciuto come cordisco, rischia di confliggere anche con il principio di trasparenza e corretta informazione che la nuova etichettatura persegue” prosegue l’assessore marchigiano Antonini “Se un vitigno è comunemente e tradizionalmente conosciuto come montepulciano e così lo classificano i numerosi disciplinari vigenti è quello il nome che lo rende riconoscibile. Difficile riconoscere ugual ruolo ed efficacia ad un nome scomparso nella trascrizione dal registro cartaceo a quello informatizzato alla fine degli anni ’80 e reintrodotto a puro scopo strumentale”.
Antonini, pur sottolineando di voler riportare tutto sui binari della leale e proficua collaborazione, senza disperdere energie in lotte di vicinato, non le manda di certo a dire. E al collega abruzzese ricorda come “L’oggetto della protezione dovrebbe essere l’area regionale “Abruzzo” e non certamente “montepulciano” che è anche il nome di un borgo toscano. È questo” conclude “il principio su cui è basato il sistema delle denominazioni: tutelare i nomi dei luoghi e non dei vitigni”. A buon intenditore…

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Per richieste di collaborazione e di carattere promozionale Contattaci via email. Un saluto dal team di Foodtop!

Gambero Rosso

Scritto da Gambero Rosso

Gambero Rosso è la piattaforma leader per contenuti, formazione, promozione e consulenza nel settore del Wine Travel Food italiani. Offre una completa gamma di servizi integrati per il settore agricolo, agroalimentare, della ristorazione e dell’hospitality italiana che costituiscono il comparto di maggior successo con un contributo rilevante per la crescita costante dell’economia.

Cosa ne pensi?

La Campania del vino si ridisegna: nasce il Consorzio vini Dop della Penisola Sorrentina

Un Aglianico del Vulture che costa meno di 10 euro premiato dal Gambero Rosso per il migliore rapporto qualità-prezzo