in

FOOD. Design dell’esperienza gastronomica: il corso di Gambero Rosso e Scuola Holden 

Dal 2018, Gambero Rosso Academy di Torino e la Scuola Holden hanno dato vita a un progetto comune di narrazione e scrittura del cibo che ha avuto un grande successo nonostante la pandemia, in due edizioni in presenza e streaming. Due realtà importanti hanno unito così le forze in un lavoro comune che parte dall’idea di raccontare storie. È proprio con questo obiettivo che è nata nel 1994 la Scuola Holden, prestigiosa accademia di narrazione e scrittura creativa fondata dallo scrittore Alessandro Baricco nel 1994.

Holden Pro: la scuola per i professionisti

Per Holden Pro, l’area della Holden dedicata ai professionisti che vogliono raccontare più efficacemente il proprio lavoro, trovare la strada giusta per comunicare con clienti e collaboratori, cercare nuovi stimoli, strumenti e guide per cambiare prospettiva, nasce il corso in FOOD. Design dell’esperienza gastronomica, insieme a Gambero Rosso Academy.

Gli obiettivi del corso FOOD. Design dell’esperienza gastronomica

Raccontare il mondo dell’enogastronomia, per professione o per avviare un progetto personale: questo è scopo del nuovo corso.

Il percorso didattico, dal 5 marzo al 19 giugno 2022, si concentra sulla narrazione di un’esperienza che coinvolge tutti i sensi, per imparare a raccontare questo universo enogastronomico e a padroneggiare linguaggi diversi: parole e immagini, ma anche graphic design, social media, blog e newsletter, format seriali per la TV e il web, magazine online e guide di carta stampata.

L’obiettivo del corso è quindi affinare le proprie capacità sensoriali e narrative, conquistando strumenti e tecniche necessari per dare vita, attraverso immagini, parole, strategie di comunicazione e marketing, a nuovi progetti.

Le tappe del corso FOOD. Design dell’esperienza gastronomica

Il percorso prevede quattro weekend in presenza, durante i quali si farà lezione alla Holden e si parteciperà alle esperienze organizzate dal Gambero Rosso, e dodici incontri in streaming. In classe si scriverà e si studieranno gli strumenti della narrazione, ma si faranno anche esperienze pratiche per scoprire realtà gastronomiche d’eccellenza e sviluppare le proprie capacità sensoriali. Si condivideranno, insomma, sia storie che eccellenze del food.

Si parlerà di cibo indagandone i molti piani significanti, le relazioni che si mettono in campo ogni volta si sceglie di narrare l’esperienza enogastronomica che non è mai conclusa in se stessa, ma ha implicazioni di valore agricolo politico, artistico, creativo emozionale. Si parlerà di storia della gastronomia e della ristorazione, di cultura e filosofia del cibo, ma si approfondiranno anche tecniche, linguaggi, strumenti e metodi di narrazione dei cibo, di come cambiano nei nuovi canali di distribuzione dei contenuti, e nelle nuove professioni legate alla comunicazione.

Le quattro esperienze prevedono incontri con diverse realtà gastronomiche e la loro cucina: gli impasti e la pizza gourmet di Massimiliano Prete, le pasticcerie torinesi con la guida esperta di Rosalba Graglia, la cucina di Davide Palluda e Marco Sacco, un pranzo-lezione al Bistrot Cannavacciuolo con Roberto Restelli.

Per informazioni:
scuolaholden.it/food-design-esperienza-gastronomica/

 

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Un saluto!

Gambero Rosso

Scritto da Gambero Rosso

Gambero Rosso è la piattaforma leader per contenuti, formazione, promozione e consulenza nel settore del Wine Travel Food italiani. Offre una completa gamma di servizi integrati per il settore agricolo, agroalimentare, della ristorazione e dell’hospitality italiana che costituiscono il comparto di maggior successo con un contributo rilevante per la crescita costante dell’economia.

Cosa ne pensi?

Buckingham Palace Gin: arriva anche in Italia in gin della Regina Elisabetta

La transizione ecologica sta arrivando nel cibo? Intervista al professor Paolo Corvo