in

“Davanti al cibo cadono le barriere”: intervista ad Ana Estrela di Ethnic Cook, il bistrot sociale multietnico di Bari 

 

Cucinare insieme è come raccontarsi una storia: mescolare gli ingredienti e scoprire in luoghi lontani sapori che ci ricordano casa. Il cibo è infatti un potente strumento affettivo, culturale e di integrazione, l’abbiamo visto incontrando Giulia Ubaldi nel suo Laboratorio di Antropologia del Cibo a Milano, nei ristoranti e nelle trattorie che attorno alla cucina hanno creato comunità preziose come La Lanterna di Diogene oppure PizzAut.

Il cibo è anche il motore di Ethnic Cook, l’ambizioso progetto immaginato da Ana Estrela e la sua associazione Origens a Bari. Tutto è partito da alcune cene dedicate alla scoperta della cucina tradizionale afro-brasiliana alcuni anni fa, oggi Ethnic Cook è anche un bistrot sociale interculturale dove chiunque possa sentirsi a casa. Abbiamo intervistato proprio la fondatrice Ana Estrela per farcelo raccontare!

Ethnic Cook, la strada di Ana Estrela per far dialogare le culture a tavola

Ana Estrela ha 56 anni ed è nata a Salvador de Bahia, in Brasile, dove si trova una delle più ampie comunità afrodiscententi del Paese. La multiculturalità è nel suo sangue, così come l’esigenza di fare qualcosa di concreto per chi ne ha più bisogno. Ex ballerina, in Brasile si occupava di ragazzi di strada e di inclusione attraverso la danza, e una volta emigrata in Puglia, nel 1999, ha continuato anche in Italia fondando l’associazione Origens. L’obiettivo, all’inizio, era promuovere la cultura brasiliana attraverso l’arte finché, nel 2013, ha un’intuizione: il cibo può essere l’elemento perfetto per favorire il dialogo e avvicinare le persone.

Nasce così “Ethnic Cook”, un programma di formazione e cucina rivolto a persone rifugiate e migranti, ma non soltanto. Dopo un primo finanziamento della Regione Puglia, il progetto viene selezionato dall’Alto Commissariato dell’ONU per i Rifugiati (UNHCR) per il sostegno allo spirito imprenditoriale e all’integrazione dei partecipanti, mentre l’Università di Bari e la Fondazione Ismu lo scelgono come una delle tre migliori realtà del Sud Italia che valorizzano le competenze dei migranti.



Il 2021 è un anno di grandi soddisfazioni per “Ethnic Cook”, a partire dal consolidamento del bistrot sociale multiculturale aperto a Bari che è snodo culinario e comunitario per i baresi, vecchi e nuovi come ci racconta Ana Estrela. Si tratta, però, di un anno di grande rilevanza anche per un doppio riconoscimento: una menzione speciale del Basque Culinary World Prize per il suo impegno nell’inclusione sociale attraverso i cibo e il riconoscimento come una delle “Women of Food” del Corriere della Sera.

 

Conoscevate questo progetto?

Leggi anche

  • Quando la cucina fa superare le barriere: ecco il progetto Migrateful

L’articolo “Davanti al cibo cadono le barriere”: intervista ad Ana Estrela di Ethnic Cook, il bistrot sociale multietnico di Bari  sembra essere il primo su Giornale del cibo.

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per la scelta del prodotto migliore. Un saluto!

Scritto da Gambero Rosso

Gambero Rosso è la piattaforma leader per contenuti, formazione, promozione e consulenza nel settore del Wine Travel Food italiani. Offre una completa gamma di servizi integrati per il settore agricolo, agroalimentare, della ristorazione e dell’hospitality italiana che costituiscono il comparto di maggior successo con un contributo rilevante per la crescita costante dell’economia.

Cosa ne pensi?

Misure Anti Covid. L’Italia in zona gialla

Dove mangiare il sushi a Napoli: i ristoranti da provare