in , ,

LoveLove WOWWOW

Bottarga di muggine: prezzo, recensione e consigli – Guida (2022)

Bottarga di muggine, bottarga di tonno: conosciamo l’Oro del Mediterraneo

Bottarga di muggine - Prezzo, Consigli, recensioni - Foodtop

Se stai cercando informazioni sulla Bottarga di muggine, sei arrivato nel posto giusto! In questo post scopriremo tutto su questo prodotto e come scegliere la migliore bottarga di muggine! Il team di Foodtop in questo post ha selezionato e recensito per te la bottarga più apprezzata per caratteristiche e per rapporto qualità/prezzo. 

Ma prima di arrivare alla classifica della migliore bottarga di muggine vediamo nello specifico cos’è e come viene realizzata.

La bottarga è un alimento molto prelibato in grado di portare il mare sui vostri piatti, anche con una semplice grattugiata. È un’eccellenza gastronomica italiana, particolarmente diffusa in Sardegna, in grado di regalarvi un tocco di Mediterraneo. Ne esistono di diversi tipi ma le più importanti sono quelle ottenute dalle uova di muggine o di tonno

Si tratta di una preparazione legata al mondo dei pescatori, dalle origini umili, ma che ha conquistato posizioni di vertice tra gli ingredienti anche dei grandi chef. 

Scopriamo insieme cos’è la bottarga, come viene preparata e quali sono le migliori!

Buona lettura!

Bottarga: Cos’è?

La bottarga è un pregiato alimento dall’intenso sapore di mare che regalerà un tocco unico alle vostre ricette. Ma la bottarga cos’è?

La bottarga viene ottenuta dall’essicazione della sacca ovarica del pesce: le uova vengono salate ed essiccate. Le uova classicamente sono di muggine oppure di tonno; in base alla provenienza avrete prodotti diversi e più avanti scopriremo quali sono le differenze. Dall’essicazione si ottengono delle baffe dorate. Ecco pronta la bottarga!

Si tratta di un prodotto unico al mondo, un piccolo lusso culinario da riservare a pranzi o cene speciali!

Ora che sappiamo cos’è la bottarga, scopriamo le sue origini e come viene realizzata.

Origini e Storia della bottarga

L’origine della bottarga pare debba attribuirsi addirittura ai Fenici che furono, inoltre, i primi colonizzatori della Sardegna. Ed è qui che parte la storia italiana della bottarga. Da sempre infatti questo alimento viene collegato alla cultura culinaria italiana ma il suo nome deriva dall’arabo, precisamente dalla parola Batārikh che significa “conservare sotto sale” o “uova sotto sale”. Gli Arabi sono infatti stati precursori di diverse affinate tecniche culinarie che hanno trasmesso a tutte le popolazioni dell’area del Mediterraneo. 

Difatti, nonostante la bottarga sia riconosciuta come un prodotto tipico della cucina italiana, esistono specialità simili anche in altri paesi come Spagna, Grecia ed in Medio Oriente e Africa. Nella cucina francese è conosciuta come “Poutargue” o “Boutargue”.

Anche in Giappone è presente questo fantastico alimento che viene definito Karasumi (カラスミ).

La storia della bottarga è molto antica, come avete letto, ed è legata al mondo dei pescatori, che la portavano con sé durante le lunghe uscite in mare. 

Oggi la bottarga è diventata un alimento di prestigio e molto ricercato anche dai grandi chef.

Come si fa la Bottarga: la produzione

La preparazione della bottarga è un processo che parte direttamente dalla pesca. Infatti nel periodo agosto-settembre i pesci sono carichi di uova, in quanto periodo di riproduzione.

Infatti subito dopo aver pescato i pesci si procede alla prima fase della produzione: l’eviscerazione, ossia l’estrazione della sacca ovarica contenente le uova del pesce. Questa operazione viene svolta manualmente al fine di non danneggiarla e poi viene subito lavata per evitare lo sviluppo di batteri.

La lavorazione della bottarga ricorda quella di un altro alimento pregiatissimo, il caviale. Tuttavia le differenze tra i due prodotti sono evidenti (oltre a quella di prezzo); il colore è scuro per il caviale, mentre è ambrato/arancione per la bottarga e le uova provengono dallo storione per il caviale mentre la bottarga si ottiene dalle uova di muggine o di tonno. 

A seconda della zona di produzione o della natura delle uova la preparazione può avere delle differenze, ma si tratta comunque di una tecnica abbastanza facile, infatti è possibile addirittura farla in casa. 

La seconda fase è la salagione, dove si procede a cospargere di sale il preparato. Questo poi, dopo un po’ di tempo variabile, viene pressato per poi iniziare la fase di essiccazione. In quest’ultima fase la bottarga viene appesa e lasciata ad asciugare e maturare; il tempo varia in base alla tipologia di bottarga ed alle condizioni di umidità. Andiamo dai circa 30 giorni per la bottarga di tonno ai 45-90 della bottarga di muggine. 

Questa ed altre ancora sono le differenze tra la bottarga di muggine e la bottarga di tonno. Ma allora scopriamo insieme quali sono le varietà di bottarga esistenti e quali sono le loro caratteristiche.

Le tipologie di bottarga: bottarga di muggine e bottarga di tonno, le differenze

Come detto in precedenza esistono diverse tipologie di bottarga con caratteristiche diverse tra loro per modalità di preparazione e natura delle uova. 

Le tipologie più note e riconosciute di bottarga sono essenzialmente due: 

  • Bottarga di muggine;
  • Bottarga di tonno;

Esistono poi altre tipologie come: 

  • Bottarga di molva;
  • Bottarga sarda di Cabras.

La bottarga di muggine è la più pregiata e famosa. Partiamo dicendo che la muggine è la femmina del cefalo che a settembre è interessata alla pesca ai fini della produzione della bottarga. 

Ha un sapore deciso ma contemporaneamente delicato con un gusto leggermente amarognolo e salato. Dal punto di vista del colore la bottarga di muggine presenta un colore oro/ambrato. 

La zona di produzione principale è la Sardegna, dove viene definita come l’oro della Sardegna. In terra sarda di particolare rilievo è la bottarga di Cabras, in provincia di Oristano. Altre zone di produzione importanti sono quelle della toscana prodotte nella Maremma Grossetana e a Orbetello. 

La bottarga di tonno presenta un sapore più forte, più deciso e più sapido rispetto alla precedente. Cambia anche il colore che è più scuro e tendente al rosso. Tra le due varia anche la pressatura: per quella di tonno sono due (prima e dopo la salatura), mentre per quella di muggine soltanto una, che dura circa 2 settimane, a seguito della prima salatura. Anche la durata dell’essiccazione varia tra la bottarga di tonno e di muggine: più corta per la prima, più lunga per la seconda. 

La zona di produzione del tonno è Sicilia (Favignana, Trapani, San Vito lo Capo e Marzamemi), Calabria e sud della Sardegna. Presenti produzioni anche a Cetara in Campania. 

Infine un accenno alla bottarga di molva, meno conosciuta e diffusa rispetto alle precedenti due. La molva è un pesce simile al nasello e la sua bottarga presenta una colorazione arancione ed un sapore un po’ meno deciso e forte. La sua produzione principale è ad Alghero, in Sardegna.

A parte le differenze tra le varie tipologie, l’aspetto comune per riconoscere una bottarga di qualità è che non siano presenti macchie o sfumature, deve presentarsi in maniera uniforme.

Ricette con bottarga: il suo utilizzo in cucina

Se volete impreziosire un vostro piatto o una vostra ricetta la bottarga è un alleato speciale. 

Con il suo sapore unico e deciso riuscirete a portare il mare a tavola. 

Sono diverse le ricette con le quali potrete utilizzare la bottarga; sicuramente si sposa al meglio con ricette di mare ma non mancano preparazioni o abbinamenti particolari, ad esempio sulla pizza o sul pane. 

La bottarga può essere utilizzata essenzialmente in due modi: grattugiata o a scaglie oppure tagliata a fette. 

Tra le più famose ricette con la bottarga non possiamo non ricordare gli spaghetti alla bottarga oppure i tagliolini all’uovo con bottarga. Potrete preparare anche insalate con bottarga oppure, come antipasto, su crostini in abbinamento a latticini, ad esempio ricotta, e filo d’olio extravergine d’oliva. Tra tutte comunque noi consigliamo la pasta con la bottarga, una ricetta molto semplice ma al contempo con un gusto fantastico. Basta bollire la pasta (qualsiasi formato), scolarla e poi saltarla in padella magari con olio evo, aglio e peperoncino. Ora arriva il momento della bottarga, da grattugiare direttamente sul piatto. Buon appetito!

Classifica Bottarga: prezzo e dove comprarla

Ora che sapete tutto su questo fantastico alimento, conosciuto anche come caviale del Mediterraneo, è tempo di dare spazio alle recensioni della migliore bottarga di muggine per caratteristiche e per rapporto qualità/prezzo e media recensioni degli utenti che hanno avuto l’occasione di provarli. 

E non dimenticate di dirci la vostra nei commenti: Qual è la vostra bottarga preferita?

1 – Bottarga di Muggine Mr. Moris – 120 gr

Bottarga di Muggine di Mr. Moris, azienda romana specializzata nella produzione e commercializzazione di pregiatissima bottarga. Questa selezionata è una baffa dal sapore genuino e naturale di 120 Gr. Potete grattugiarla o tagliarla a fette sottili per fare un viaggio culinario nel Mediterraneo. 


2 – Bottarga di Muggine Poseidon – 130 gr

La bottarga di muggine Poseidon è una delizia sarda, ritenuta un vero e proprio superfood, in quanto ricchissimo di omega 3; inoltre vengono riconosciute alla bottarga anche proprietà afrodisiache. 


3 – Bottarga di muggine grattugiata Mr. Moris – 70 gr

Questo prodotto è sempre del brand Mr Moris, conosciuto in precedenza, ma a differenza del primo viene fornito già grattugiato in comodo vasetto di vetro per una comoda e facile conservazione. Aspetta solo che la pasta sia al dente per essere spolverata sulla vostra fantastica ricetta di spaghetti alla bottarga!


4 – Bottarga di muggine francese So’Boutargue – 200 gr

Questo prodotto viene prodotto in Provenza, in Francia in un formato da 200 gr. La particolarità è data dalla copertura in cera d’api che serve per la sua ottimale conservazione.


5 – Bottarga di muggine Su Tianu Sardu – 230 gr

La bottarga Su Tianu Sardu è lavorata dalla sapienti mani di artigiani, in Sardegna; il regno della bottarga. Prodotto di alta qualità!


6 – Bottarga di Cabras – 250 gr

Pregiata bottarga di Quartu S. Elena prodotta col metodo artigianale sardo. Un prodotto di grandissima qualità!


7 – Bottarga di Cabras – 120 gr

Bottarga di Cabras, famosa e riconosciuta in tutta il mondo per il suo sapore autentico e mediterraneo. Un’antica ricetta tutta da gustare!


8 – Bottarga di muggine Mr. Moris Gold Reserve – 175 gr

Questa bottarga di muggine di Mr. Morris è una edizione, chiamata Gold Reserve, nata dalla selezione delle migliori uova australiane.


9 – Bottarga di tonno – 145-1665 gr

Ora vi proponiamo anche la bottarga di tonno. Quest’ottimo prodotto viene realizzato nella famosa tonnara di Marzamemi. Tutto il fascino della Sicilia sui vostri piatti!


10 – Bottarga di tonno grattugiata – 70 gr

Infine, ancora bottarga di tonno, in questo caso grattugiata e conservata in vetro. Un po’ più scura di quella di muggine, dal sapore ben deciso.

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Un saluto!

redazione

Scritto da redazione

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

La transizione ecologica sta arrivando nel cibo? Intervista al professor Paolo Corvo

spaghetti alla bottarga

Spaghetti alla bottarga: la ricetta originale