in

Biologico. Via libera definitiva al Senato: l’Italia ha la sua legge di settore

Biologico: è legge

Il Senato ha approvato in via definitiva (195 sì, nessun contrario e 4 astenuti) il disegno di legge sul biologico a meno di un mese dalle modifiche apportate dalla Camera al testo (9 febbraio), con cui era stata soppressa l’equiparazione di bio e biodinamico, che tante polemiche aveva suscitato. Procedura rapida rispettata per l’ok finale, dunque, ma va ricordato che ci sono voluti oltre dieci anni in Parlamento perché l’Italia, leader in Europa, avesse una legge di settore, che attende di essere pubblicata in Gazzetta ufficiale.

Il biologico in Italia

Sono oltre 80mila le imprese certificate bio nel nostro Paese, con 2 milioni di ettari coltivati (raddoppiati dal 2010). Nel 2021, gli acquisti di bio in Italia hanno sfiorato quota 7,5 miliardi di euro. Il Ddl ‘Disposizioni per lo sviluppo e la competitività della produzione agricola e agroalimentare con metodo biologico’ prevede alcune novità, tra cui l’introduzione del marchio bio italiano e la definizione dei biodistretti. Ora la sfida è “aumentare le produzioni sostenibili dal 16% al 25%”, ha dichiarato Pasquale Maglione, esponente M5S in commissione Agricoltura alla Camera e relatore del provvedimento. “L’Italia potrà svolgere un ruolo decisivo nel raggiungimento degli obiettivi contenuti nel Green deal e della Farm to fork” ha rimarcato Francesco Battistoni, sottosegretario Mipaaf “contribuendo in maniera significativa a implementare la nostra produzione interna e, conseguentemente, le esportazioni”.

Un aiuto arriva dal digitale

Il testo della legge, ha ricordato Coldiretti, prevede anche l’impiego di piattaforme digitali per garantire piena informazione su provenienza, qualità e tracciabilità dei prodotti, con una delega al Governo per rivedere la normativa sui controlli e garantire l’autonomia degli enti di certificazione. Soddisfatta Alleanza Cooperative, che ha sempre sostenuto la necessità di approvare un testo al quale ha contribuito fattivamente, individuando in filiere e distretti i due binari principali di sviluppo. “Al settore è finalmente riconosciuta l’importanza che merita” è stato il commento di Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro, secondo cui il 2022 potrebbe essere l’anno del bio.

a cura di Gianluca Atzeni

 

Questo articolo è stato pubblicata sul Settimanale Tre Bicchieri del 3 marzo 2022

Per riceverlo gratuitamente via e-mail ogni giovedì ed essere sempre aggiornato sui temi legali, istituzionali, economici attorno al vino Iscriviti alla Newsletter di Gambero Rosso

 

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Per richieste di collaborazione e di carattere promozionale Contattaci via email. Un saluto dal team di Foodtop!

Gambero Rosso

Scritto da Gambero Rosso

Gambero Rosso è la piattaforma leader per contenuti, formazione, promozione e consulenza nel settore del Wine Travel Food italiani. Offre una completa gamma di servizi integrati per il settore agricolo, agroalimentare, della ristorazione e dell’hospitality italiana che costituiscono il comparto di maggior successo con un contributo rilevante per la crescita costante dell’economia.

Cosa ne pensi?


Notice: Undefined index: date_publication in /home/foodtopi/public_html/wp-content/themes/bimber/includes/post-template.php on line 1166

Treccia di Santa Croce di Magliano, l’unico formaggio che si mangia… e che si indossa

Semine di marzo: come preparare orto e giardino alla primavera