in

Berebene 2022. Trentunesima edizione per la guida che premia il rapporto qualità/prezzo

Berebene 2022. La presentazione

La prima volta che uscì in edicola, nel 1991, si chiamava Almanacco del Berebene, il formato era quello del magazine e, oltre a tante curiosità e informazioni sul mondo del vino, recensiva i migliori vini da reperire sugli scaffali dei supermercati o delle enoteche a meno di 10.000 lire. Il grande rapporto qualità prezzo dei vini italiani è qualcosa che il Gambero Rosso racconta ormai da oltre trent’anni proprio sulle pagine della guida Berebene che quest’anno raccoglie 848 vini premiati, di cui troverete brevi ma puntuali schede di degustazione.

La pandemia che ha colpito le vite di tutti noi in questi ultimi due anni ha sparigliato le carte anche nel solido mondo del vino. La situazione, per fortuna, sta lentamente migliorando: non siamo ancora tornati alle nostre vite normali, ma piano piano i ristoranti iniziano a riempirsi, le fiere e gli eventi di settore hanno riaperto i battenti, i produttori preparano sempre più spesso le loro valigie per andare in giro in Italia e nel mondo a raccontarsi. In questo clima frizzante, quasi di rinascita, arriva questa nuova edizione del Berebene, quest’anno leggermente cambiata rispetto a quelle alla quale ci eravamo abituati. Scoprirete, come già accennato, 848 ottimi vini che potrete trovare a meno di 13 euro sugli scaffali delle enoteche e della GDO, o sulle vetrine on-line di e-shop aziendali e siti di wine-commerce; ma per rendere più agile la pubblicazione abbiamo deciso di eliminare la sezione chiamata “gli altri vini”, che rischiava di diventare un mero elenco di nomi.

Altra importante novità è rappresentata da un’appendice dedicata alle migliori enoteche d’Italia: a differenza degli anni passati, le abbiamo raccolte in un’unica sezione invece che alla fine di ogni regione, per creare una sorta di “guida nella guida” più omogenea: tra i 371 negozi recensiti, ne abbiamo scelti 43 e li abbiamo premiati con i Tre Cavatappi, il riconoscimento che sta a indicare che in quel negozio troverete una selezione eccelsa curata da enotecari che non vendono solo vino ma fanno vera e propria cultura.

Berebene 2022. La degustazione a Roma

Infine, chiudiamo con una bella notizia: dopo lo stop dello scorso inverno, quest’anno torneremo a presentare il Berebene dal vivo e non solo in streaming, con una grande degustazione che si terrà a Roma, al Marriot Park Hotel, sabato 27 novembre dalle 17 alle 20. Saranno presenti oltre 150 aziende da tutta Italia, pronte per farvi assaggiare i vini premiati. Vi aspettiamo!

Nel frattempo, qui sotto anticipiamo i 9 Premi Qualità Prezzo Nazionale, i 20 Premi Qualità Prezzo Regionali e le 43 Enoteche Tre Cavatappi.

I premi qualità/prezzo nazionali. Vini Rossi

Nord

Cantina Meran
Marlengo/Marling (BZ) – via Cantina, 9 – cantinamerano.it

A. A. Meranese Schickenburg ’20

L’area viticola occidentale dell’Alto Adige si presenta unita sotto il marchio Meran. La cantina Burggräfler e la vicina cantina Merano, dopo la loro fusione nel 2010, sono diventate una realtà enologica molto importante. Nella nuova enoteca panoramica, con vista a 360° sull’anfiteatro meranese, si può degustare anche il Meranese Schickenburg Graf Selection: colore rosso rubino, il bouquet con profumi di mandorle e violetta, elegante e morbido in bocca. Ideale con antipasti, ricette casalinghe tradizionali e carne di vitello.

Centro

F.lli Barba
Pineto (TE) – loc. Scerne – s.da rotabile per Casoli – fratellibarba.it

Colline Teramane Montepulciano d’Abruzzo Yang ’19

Colle Morino, Casal Thaulero e Vignafranca: sono i territori su cui insistono gli oltre 60 ettari vitati dei fratelli Giovanni, Domenico e Vincenzo Barba. Erbe officinali, sfumature balsamiche, pepe, terriccio, oliva nera, mirtilli, grafite costituiscono il profilo aromatico sfaccettato di questo rosso che al palato sfoggia un tannino cremoso che si appoggia a un sottofondo venato da una piacevole sensazione sapida.

Sud

Fradiles
Atzara (NU) – loc. Creccherì – via S. Pertini, 2

Mandrolisai ’19

Paolo Savoldo è un bravo vignaiolo e la sua è una produzione artigiana, basata su tanto lavoro in vigna e semplicità in cantina. Ne conseguono vini di ottima fattura, molto genuini e autentici e veri ambasciatori del terroir del Mandrolisai. Porta il nome aziendale il vino che vi proponiamo. Blend di cannonau, bovale e monica (come impone il disciplinare) ha profumi fitti e complessi di terra bagnata, tabacco e frutto maturo. La bocca ha volume e ampiezza, la freschezza non manca e il finale è pulito e profondo.

I premi qualità/prezzo nazionali. Vini Bianchi

Nord

Cantina Produttori di Cormòns
Cormòns (GO) – via Vino della Pace, 31 – cormons.com

Collio Bianco Uve Autoctone ’19

I soci di questa Cantina cooperativa da più di 50 anni portano avanti l’esempio della loro unione nel mondo. Filippo Bregant (Presidente) e Alessandro Dal Zovo (direttore) hanno fatto sì che la Cantina ingranasse una marcia nuova, che sta portando risultati qualitativi molto importanti per tutto il territorio del Collio. Il Bianco Territorio al naso è fine ed elegante, con fragranze di frutta esotica e fiori gialli. Il sorso è intenso, pulito, con una balsamicità finale molto gradevole.

Centro

Fontana Candida

Monte Porzio Catone (RM) – via Fontana Candida, 11 – fontanacandida.it

Frascati Terre dei Grifi ’20

I vigneti di Fontana Candida, situati nel comune di Monteporzio Catone, sono impiantati su terreni vulcanici, ricchi di minerali e microelementi, e godono di un clima mediterraneo e di una ventilazione che aiuta a mantenere perfettamente sane le uve. Il Frascati Terre dei Grifi è un’etichetta storica del nostro Berebene, come conferma questa versione 2020: ai profumi di pesca, macchia mediterranea e iodio fa seguito un palato di bella grinta e sapidità, fresco e fruttato.

Sud

Sanpaolo di Claudio Quarta
Torrioni (AV) – c.da San Paolo – via Aufieri, 25 – claudioquarta.it

Greco di Tufo ’20

Claudio Quarta, insieme alla figlia Alessandra, porta avanti un’azienda sempre più complesso e articolato che vede insieme a progetti all’insegna della biodiversità, della sostenibilità ambientale, della ricerca e l’ innovazione, la produzione di vini tipici del territorio da uve fiano, aglianico, greco. Quest’ultimo nella versione 2020 è davvero molto buono: profuma di cedro e zenzero con sfumature iodate e una bocca trascinante e saporita.

I premi qualità/prezzo nazionali. Vini Rosati

Nord

Vigneti Villabella
Bardolino (VR) – fraz. Calmasino – loc. Canova, 2 –  vignetivillabella.com

Chiaretto di Bardolino Cl. Villa Cordevigo ’20

La tenuta di Villa Cordevigo si estende per molti ettari lungo le colline moreniche che cingono la sponda orientale del bacino del Benaco. Convertita al regime biologico da qualche anno, la tenuta fornisce le uve per questo fragrante Chiaretto che a fronte di una veste delicata e profumi di rosa e frutti di bosco, in bocca rivela invece un’inaspettata presenza, retta soprattutto dalla sapidità.

Centro

Giorgetti
Potenza Picena (MC) – c.da Montepriori, 3 – andreagiorgetti.it

Aganita ’20

Non paghi del bel lavoro fatto con il Ribona Flosis ’20, la cantina Giorgetti piazza un’ulteriore gemma del bere bene con un occhio al portafoglio. Nella cantina interrata, ben attrezzata e accogliente, si dà vita a uno dei rosati dalla beva più coinvolgente dell’intera regione: Aganita (90% sangiovese e resto montepulciano) ha tersi profumi di lamponi e ciliegie ritrovati un sorso sapido, fruttato, perfettamente bilanciato tra morbidezza e acidità. In una parola: irresistibile.

Sud

Tenuta Sallier de la Tour
Monreale (PA) – loc. Camporeale – c.da Pernice – tascadalmerita.it

Sicilia Rosato Madamarosé ’20

Già da lungo tempo il territorio di Camporeale, sia per le caratteristiche dei suoli che per il particolare microclima, si è rilevato particolarmente adatto alla coltivazione del Syrah. Vitigno, che non delude neanche vinificato in rosa, come nel caso del MadamaRosè ’20, che mantiene fondamentalmente invariati i suoi marcatori varietali, frutti rossi, spezie, note verdi balsamiche, a cui si aggiunge la nota minerale calcarea tipica della zona.

Premi Regionali

Piemonte

Tenuta Olim Bauda
Incisa Scapaccino (AT) – Tenuta Olim Bauda – via Prata, 50 – tenutaolimbauda.it

Barbera d’Asti La Villa ’20

Diana, Dino e Giovanni Bertolino guidano con passione e l’azienda di famiglia fondata alla fine del secolo scorso. La Tenuta Olim Bauda conta su 30 ettari vitati, distribuiti tra i comuni di Nizza Monferrato, Isola d’Asti, Fontanile e Castelnuovo Calcea, dove dominano i vitigni tradizionali del Monferrato. La Barbera d’Asti La Villa ’20 si presenta al naso con profumi di frutti rossi freschi, mentre il palato è polposo, ricco di frutto, immediato e di gradevole beva.

Liguria

La Baia del Sole – Federici
Luni (SP) – via Forlino, 3 – cantinefederici.com

Colli di Luni Bianco Gladius ’20

Da più di trent’anni la famiglia Federici si dedica alla viticoltura; alla Baia del Sole due generazioni lavorano in sintonia per la notorietà della Lunigiana vinicola. I Federici vinificano le proprie uve con quelle conferite da numerosi piccoli coltivatori della zona, cosicché la produzione si attesta oggi sulle 180mila bottiglie, in buona parte Vermentino. Il Gladius, beverino e profumato ripercorre la tradizione locale durante la quale le uve vermentino, albarola, malvasia e trebbiano erano vinificate insieme.

Lombardia

Giovanni Avanzi
Manerba del Garda (BS) – via Trevisago, 19 – avanzi.net

RGC Valtènesi Chiaretto Rosavero ’20

La famiglia Avanzi ha profonde radici sul territorio gardesano, e in ottant’anni di attività ha esplorato con passione e competenza le risorse agricole del territorio, a partire dai vini e dall’olio extravergine, senza tralasciare, da qualche anno, anche la produzione di birra artigianale. Ci ha davvero impressionato il Valtènesi Chiaretto Rosavero ’20, tra i migliori degustati quest’anno. Di colore pallidissimo, è fresco, elegante, ricco di frutto e di straordinaria piacevolezza.

Trentino

Bossi Fedrigotti
Rovereto (TN) – via Unione, 43 – masi.it

Trentino Marzemino Mas’est ’20

È un vino simbolo della Vallagarina, zona agricola che vede i nobili Bossi Fedrigotti tra i protagonisti del rinnovamento viticolo già a metà del 1600. Vinificano in un mix di tradizione e assoluta innovazione, sfruttando pure un leggero appassimento delle uve, per ottenere un vino rosso di grande carattere, con note balsamiche, accenni di viola, un sottofondo di humus e note di rabarbaro. Deciso e giovanile il sorso, che non disdegna ulteriore stagionatura.

Alto Adige

Josef Brigl
Appiano/Eppan (BZ) – loc. San Michele – via Madonna del Riposo, 3 – brigl.com

A. A. Gewürztraminer ‘20

Dal XIV secolo il nome Brigl è legato indissolubilmente al vino altoatesino. La storica azienda è una delle più famose cantine dell’Alto Adige. I vini vengono elaborati a partire da uve provenienti dai migliori vigneti della zona e con una tecnica di cantina ineccepibile. Il Gewürztraminer si presenta con colore giallo paglierino con riflessi oro, ha un profumo elegante ed intenso di petali di rosa, arricchito da note speziate di chiodi di garofano. In bocca è intenso e persistente.

Veneto

Cantina Sociale di Monteforte d’Alpone
Monteforte d’Alpone (VR) – via XX Settembre, 24 – cantinadimonteforte.it

Soave Cl. Clivus ’20

La grande cooperativa di via XX Settembre può attingere da un’ampia superficie vitata che i numerosi soci coltivano con attenzione seguendo le direttive dell’azienda. Il Soave Clivus è frutto di una sezione compiuta fra tutte le uve della vendemmia ed esprime il carattere più semplice e immediato della tipologia. Profuma di frutto bianco fresco e croccante, rinfrescato da una tenue presenza floreale. Il sorso è asciutto, dinamico e di buona progressione.

Friuli Venezia Giulia

Pighin
Pavia di Udine (UD) – fraz. Risano – v.le Grado, 11/1 – pighin.com

Collio Pinot Grigio ’20

Fondata nel 1963 dai tre fratelli Luigi, Ercole e Fernando Pighin, oggi la cantina è interamente gestita da quest’ultimo insieme al supporto della moglie Danila e i figli Roberto e Raffaella. Parte dei vigneti, 30 ettari, si estendono sulle colline del Collio Goriziano, presso la Tenuta di Spessa di Capriva. Da qui proviene il Pinot Grigio ‘20 che abbiamo scelto per questa pubblicazione: un insieme di eleganti note di acacia e frutta esotica, anticipa un sorso fresco, scandito da lungo finale dai richiami agrumati.

Emilia Romagna

Albinea Canali
Reggio Emilia (RE) – fraz. Canali – via Tassoni, 213 – albineacanali.it

Colli di Scandiano e di Canossa Lambrusco Grasparossa Codarossa

L’ottima prestazione della storica cantina cooperativa Albinea Canali passa anche per il Codarossa, un Lambrusco Grasparossa di grande carattere e fascino. Proviene dalla Doc Colli di Scandiano e Canossa, in piena campagna reggiana, e mostra un naso profumato e sincero, dai tocchi di ciliegia e mora, spezie e fragola. La bocca è fresca e vibrante, il tannino tipico del vitigno si fa sentire ma è mitigato da una bella cremosità e dalla carbonica perfettamente dosata.

Toscana

Col di Bacche
Magliano in Toscana (GR) – fraz. Montiano – s.da di Cupi – coldibacche.com

Morellino di Scansano ’20

Una continuità qualitativa da primato, fin dal suo esordio agli inizi del Nuovo Millennio nelle nostre pagine, segna la produzione dell’azienda della famiglia Carnasciali, che con il suo Morellino di Scansano è stata ed è una delle presenze più assidue nel Berebene. La versione 2020 mette in fila nel suo sviluppo aromatico un frutto rosso intenso, cenni di grafite e una bella nota pepata. In bocca, il vino trova il suo punto di forza più evidente, con un sorso polposo, scorrevole e sapido.

Marche

Vicari
Morro d’Alba (AN) – via Pozzo Buono, 3 – vicarivini.it

Lacrima di Morro d’Alba Dasempre del Pozzo Buono ’20

L’uva lacrima nera si presta a più interpretazioni stilistiche. Ad esempio si può lavorare per estrarre la sua anima floreale, segnata dagli inconfondibili richiami alla viola e alla rosa. Oppure impegnarsi per ottenere un registro più speziato. Vico Vicari invece preferisce raccogliere a piena maturità. In questo modo esalta colori profondi, piene sensazioni fruttate che rimandano alla visciola e divengono sorso succoso, piuttosto denso ma non surmaturo, a tutto vantaggio della piacevolezza.

Umbria

Duca della Corgna
Castiglione del Lago (PG) – via Roma, 236 – ducadellacorgna.it

Trasimeno Gamay Divina Villa Et. Bianca ’20

Duca della Corgna è una bella realtà cooperativa specializzata nella produzione dei vini del Trasimeno. Tra questi non manca di certo il Gamay che però non è il vitigno del Beaujolais, bensì una varietà facente parte della grande famiglia del grenache (da sempre qui chiamato in questo modo). Il Divina Villa è un grande rosso quotidiano, dalla beva succosa e leggiadra, avvolgente al palato, ma freschissimo e sapido.

Lazio

Principe Pallavicini
Colonna (RM) – via Roma, 121 – principepallavicini.com

Roma Malvasia Puntinata ’20

La Tenuta della famiglia dei Principi Pallavicini, 50 ettari vitati coltivati a uve bianche e 15 coltivati a uve rosse, è situata a 25 chilometri a sud-est di Roma, a Colonna e Gallicano, sui terreni dell’antico vulcano laziale, e a Cerveteri. Davvero piacevole e ben realizzato il Roma Malvasia Puntinata ’20, tipico nei suoi toni floreali e di erbe aromatiche, nitido, grintoso e con un finale balsamico.

Abruzzo

Contesa
Collecorvino (PE) – s.da delle Vigne, 28 – contesa.it

Cersauolo d’Abruzzo ’20

La cantina creata nei primi anni 2000 da Rocco Pasetti sorge sul sito longobardo di Collecorvino. L’azienda è circondata da vigneti con varietà autoctone della regione: montepulciano, trebbiano, pecorino, passerina. I vini prodotti sono una fedele rappresentazione del varietale e di questo angolo di Abruzzo. Ribes e melograno caratterizzano il Cerasuolo che al palato poi aggiunge una piacevole sensazione di scorza d’arancia essiccata, sapidità e grinta.

Molise

Terresacre
Montenero di Bisaccia (CB) – c.da Montebello – terresacre.net

Molise Rosso Neravite ’18

Nata nel 2006, l’azienda Terresacre si posiziona sul limite settentrionale del Molise, nel vocato areale di Montenero di Bisaccia, che con il suo microclima fa sì che la gamma di vini proposta ogni anno sia di notevole fattura. Il Molise Rosso Neravite ricorda al naso il peperone crusco e note tostate di caffè. Molto concentrato, al palato tornano intense sensazioni di tostatura.

Campania

Cantine del Mare
Monte di Procida (NA) – via Cappella IV, trav. 6 – cantinedelmare.it

Campi Flegrei Falanghina ’19

Gennaro Schiano cura con minuziosa attenzione i vitigni autoctoni di  piedirosso e falanghina coltivati sul promontorio del Monte Procida. In questa zona dell’areale dei Campi Flegrei non è possibile alcun tipo di meccanizzazione, e la viticoltura, con le pratiche interamente effettuate a mano, diventa estrema. Molto buona la Falanghina ‘19: un bouquet sfaccettato con sentori di clementina, fiori gialli e sensazioni fumé anticipa una bocca elegante, minerale e leggiadra.

Basilicata

Basilisco
Barile (PZ) – via delle Cantine, 20 – basiliscovini.it

Aglianico del Vulture Teodosio ’19

Dopo aver rilevato l’azienda nel 2011, il gruppo Feudi di San Gregorio ha affidato a Viviana Malafarina il timone dell’azienda. Il percorso è suggellato dal progetto dei cru, che sono sempre più interessanti e fedeli alle contrade di provenienza del comune di Barile. Eccellente anche il Teodosio ’19, ricco di note di frutti neri e liquirizia, con un sottofondo leggermente fumé. Il sorso è fresco e di piacevole beva.

Puglia

Cantolio
Manduria (TA) – via per Lecce km 2,5 – cantolio.it

Primitivo di Manduria 14 di Terra ’20

La Cantolio è una cantina cooperativa che conta su 700 conferitori che lavorano circa 800 ettari vitati, situati nelle province di Taranto e Brindisi, in particolare nella zona della denominazione del Primitivo di Manduria, sia su sabbia che su terre rosse. Il Primitivo di Manduria 14 di Terra ’20 al naso presenta toni di tapenade di olive nere, cannella e fichi secchi, per un palato ricco di frutto, avvolgente ma anche di bella tenuta e lunghezza.

Calabria

Luigi Scala
Cirò Marina (KR) – loc. Torricella San Biagio – cantinascala.it

Cirò Bianco ’20

La cantina Scala è una azienda a conduzione famigliare la cui proprietà si tramanda di generazione in generazione, sin dal diciassettesimo secolo. La moderna cantina nasce invece nel 1949 quando fu messa in commercio per la prima volta un’etichetta a marchio Scala, la stessa etichetta che ancora oggi viene utilizzata per la linea classica territoriale. Il Cirò Bianco ’20 ci è piaciuto molto per le eleganti note di frutta gialla, mentuccia e agrumi e per la bocca fresca, saporita e appagante.

Sicilia

CVA Cnicattì
Canicattì (AG) – c.da Aquilata – cvacanicatti.it

Arcifà ’20

Sempre più immersi nella loro realtà territoriale i soci di questa bella e dinamica realtà cooperativa dell’agrigentino, che oltre a curare i loro vigneti all’interno del Parco Archeologico della Valle dei Templi, da quest’anno dedicano una delle etichette di punta al loro concittadino più illustre, Luigi Pirandello. A noi quest’anno è piaciuto molto il Catarratto Arcifà ’20, profumato di agrumi e mela verde, fresco, di bella persistenza e ben bilanciato tra frutto ed acidità al palato.

Sardegna

Cantina Sociale della Vernaccia
Oristano (OR) – loc. Rimedio – via Oristano, 6a – vinovernaccia.com

Terresinis Vernaccia ’20

Piccola cantina cooperativa specializzata nella produzione di Vernaccia di Oristano, sia in versione ossidativa (diverse le riserve proposte) sia in versione fresca, d’annata. Il Terresinis è proprio una versione giovane e rappresenta un modo di bere questo particolare vitigno in maniera spensierata. Ha profumi floreali e agrumati, la bocca non manca di freschezza acida che, insieme alla sapidità, danno una bella tonicità alla beva.

Le enoteche Tre Cavatappi

Valle d’Aosta

La vineria – Aosta

Piemonte

Fracchia e berchialla – Alba (CN)

Casa del Barolo – Torino

Eataly – l’Enoteca – Torino

Rossorubino – Torino

Liguria

Enoteca Carpe Diem – Alassio (SV)

Lombardia

Cantine Isola – Milano

Cotti – Milano

Enoclub – Milano

Iemmallo – Milano

Signorvino – Milano

La cantina – Pavia

Trentino Alto Adige

Weindiele Winestore – Bolzano/bozen

Meraner Weinhaus-Casa del Vino di Merano – Merano/meran (BZ)

Grado 12 – Trento

Veneto

Ferrowine – Castelfranco vVeneto (tv)

La mia cantina – Padova

Friuli Venezia Giulia

Bischoff – Trieste

Emilia Romagna

Enoteca Italiana – Bologna

Taverna del Gusto – Piacenza

Toscana

Molesini – Cortona (AR)

Vignoli – Firenze

Vinoteca al Chianti – Firenze

Enoteca La Fortezza – Montalcino (SI)

Rivella – Siena

Marche

Conad Onori’s – Magliano di Tenna (FM)

Galli – Senigallia (AN)

Umbria

Enoteca Gio’ – Perugia

Lazio

Del Gatto – Anzio (RM)

Bulzoni – Roma

Enoteca Achilli al Parlamento – Roma

Roscioli – Roma

Trimani – Roma

Abruzzo

La Fenice – L’Aquila

Molise

Pistilli – Campobasso

Campania

La Botte – Casagiove (CE)

Enoteca Continisio – Napoli

Scagliola – Napoli

Basilicata

Enoteca dei Tosi – Matera

Puglia

Vinarius de pasquale – Bari

Calabria

Monaco e Scervino – Cosenza

Sicilia

Enoteca & bistrò Vino Veritas – Palermo

Sardegna

Antica Enoteca Cagliaritana – Cagliari

 

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Per richieste di collaborazione e di carattere promozionale Contattaci via email. Un saluto dal team di Foodtop!

Gambero Rosso

Scritto da Gambero Rosso

Gambero Rosso è la piattaforma leader per contenuti, formazione, promozione e consulenza nel settore del Wine Travel Food italiani. Offre una completa gamma di servizi integrati per il settore agricolo, agroalimentare, della ristorazione e dell’hospitality italiana che costituiscono il comparto di maggior successo con un contributo rilevante per la crescita costante dell’economia.

Cosa ne pensi?

Dal Venezuela le hallacas, i fagottini di mais ripieni che a Natale non mancano mai

Padellino agricolo. Casaletto di Viterbo, il sogno contadino