in

Baby Dicecca: cheese bar e gelateria nell’Alta Murgia

Non pensavamo avremmo avuto l’autorizzazione, siamo stati presi alla sprovvista” fa Roberta De Lia raccontando del progetto che a breve vedrà la luce. “E invece abbiamo vinto un bando della Regione Puglia, la settimana prossima cominciamo i lavori e per metà giugno dovremmo essere operativi” continua. Lo spazio, del resto, è mignon: una ventina di metri quadri appena, all’ingresso della foresta Mercadante, nel Parco dell’Alta Murgia. È qui che, tra qualche giorno, aprirà Baby Dicecca, il chiosco dedicato a yogurt e gelati di Roberta e il suo compagno Vito Dicecca, giovane guru dei formaggi, affinatore autarchico e visionario che ha deciso, con Roberta, di trovare una nuova casa per i suoi famosi prodotti.

Erborinato Dicecca

La foresta Mercadante

La produzione rimane sempre ad Altamura, nel caseificio di via Bari, ma ci sarà una seconda sede, proprio all’ingresso principale dell’area verde. “È una zona che non conoscono in molti, perché non è stata ancora valorizzata ma crediamo che potrebbe essere un polo di attrazione turistica” racconta “non gli manca nulla: è un’area verde bellissima, che ti lascia a bocca aperta, a mezz’ora dal mare: noi ci crediamo molto, sarebbe bello se i giovani decidessero di investire qui”. Cominciano loro, muovendosi con cautela: “per ora il chiosco è una sfida meno ambiziosa”, che possono sviluppare con calma. Del resto il tempo non manca – “il bando è di 6 anni + 6” – e la voglia di far bene neanche: “Partiremo solo con gelato e yogurt” continua Roberta, “poi valuteremo se offrire anche altri prodotti” nell’ottica di un cheese bar di qualità.

baby dicecca

Baby Dicecca. Il progetto

Per chi conosce i prodotti Dicecca, lo yogurt è già un cult, soprattutto quello di capra con il miele “ma non mancheranno anche altre varianti simpatiche per la colazione” e sempre per la colazione si pensa già al futuro prossimo, quando la caffetteria – con latte di capra proprio – sarà affiancata da brioche home made. “Non escludiamo di fare degustazioni di taglieri di formaggi, anche stagionati, da abbinare con le nostre confetture di fichi e mandorle o con il miele, e di certo concluderemo nel chiosco le visite al caseificio, che dista meno di 20 chilometri, per la parte degli assaggi”. Tutto è in divenire “intanto partiamo” dice.

yogurt artigianale

Il gelato di Dicecca

“Il gelato è una sfida che ci piace” racconta ancora Roberta: “sia Vito che il padre avevano già provato a farlo, ma poi durante la quarantena hanno fatto tanti esperimenti che ci hanno soddisfatto”. E così è nata l’idea di una piccola produzione: 5 gusti, molto semplici e naturali, in perfetta coerenza con il resto della produzione: “poco zucchero o niente, prodotti di qualità, per esempio i limoni di Rocca Imperiale, una zona ancora poco conosciuta ma ottima per la materia prima che offre, il cioccolato preparato a partire dalle fave di cacao prese in un viaggio in Brasile” e poi il latte. “Quello è più che a chilometro zero” fa “è quello degli animali dell’agriturismo”. Insomma, vacche o capre (soprattutto per il gelato al fiordilatte) proprie, di cui curano il benessere e l’alimentazione, come tradizione di famiglia.

 

Il futuro: casa Dicecca

Ma il cheese bar Baby Dicecca – chiamato così in onore della figlia Chiara, e anche perché “il gelato è un prodotto che si associa ai bambini” – non è l’unica novità: “abbiamo rilevato una masseria che stiamo ristrutturando” continua, un posto in cui vivere “per far crescere Chiara in un contesto più naturale possibile” e ma anche una struttura agrituristica alcune stanze e una proposta gastronomica firmata Dicecca. Il nome? Casa Dicecca.

Foresta Mercadante – Cassano delle Murge (BA) – SP 145 – www.facebook.com/Caseificio-Dicecca

 

a cura di Antonella De Santis

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per la scelta del prodotto migliore. Un saluto!

Cosa ne pensi?

Written by redazione

Federvini. Intervista alla neo presidente Micaela Pallini

Una Mole di Panettoni Salati. A Torino il primo concorso dedicato