in

Asia’s 50 Best Restaurants 2022: la classifica. La corsa di Gaggan e la presenza dell’Italia

asia 50 best.asia 50 best.

Un botta e risposta serrato, quello che vede fronteggiarsi Michelin e 50 Best, le due più influenti guide a livello internazionale si sfidano a colpi di presentazione. Se il 27 marzo è stato il turno della Michelin UK e Irlanda, il 28 è quello di Asia’s 50 Best. La classifica dei migliori ristoranti (ovviamente secondo i voters) dell’estremo oriente: da Tokyo a Bali, da Nuova Delhi a Manila. Dopo la cerimonia in contemporanea in tre luoghi diversi dello scorso anno, la lista del 2023 – l’undicesima nella storia dei Cinquanta – è stata presentata al Resorts World Sentosa di Singapore dopo la consueta preview fatta di feste di inaugurazione e appuntamenti diffusi. Una classifica, questa del 2023, oggetto di un’altissima aspettativa, per il “ritorno del re” così è stato acclamato Gaggan Anand, fresco di apertura a Bangkok, che ha scalato la classifica fino a entrare nella top five, anche grazie al convinto incoming dei (potenziali?) votanti fatto negli ultimi mesi. Per il resto la lista firmata S.Pellegrino & Acqua Panna premia cucine diverse: mentre fanno sentire sempre più la loro voce, nel panorama internazionale, le tradizioni local, espressione di un’identità gastronomica, non mancano ai vertici proposte che rimandano alla cucina francese e italiana. Ma prima vediamo i premi speciali, che celebrano professionalità, volti nuovi e grandi nomi.

Asia-2023-Icon-Award-Header2

Asia 50 Best. I premi speciali

Partiamo con l’Icon Award, che quest’anno va a Shinobu Namae de L’Effervescence di Tokyo “per la sua infinita dedizione all’arte della cucina e per lo spirito contagioso”, come ben si addice alle figure capaci di essere da motivazione e traino per gli altri. Esperienze da Toya Japon a Hokkaido di Michel Bras, al The Fat Duck di Bray di Heston Blumenthal, da 13 anni ha trovata casa a Tojyo, con L’Effervescence dove unisce profonde radici nei prodotti e rispetto per le antiche tradizioni giapponesi, alle tecniche ispirate alla Francia e all’Europa. È uno dei pionieri della sostenibilità nel suo paese, dove ha contribuito a diffondere un approccio più consapevole alla cucina, con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale e la carbon print dell’alta ristorazione. Il suo impegno per l’ambiente lo ha visto al fianco del WWF in Giappone nella lotta contro la pesca illegale e alle Nazioni Unite nella Giornata mondiale degli oceani. Jordy e May Navarra di Toyo Eater – miglior ristorante delle Filippine – vincono il Sustainable Restaurant Award.

Il premio Asia’s Best Pastry Chef è andato a Louisa Lim di Da Odette – insegna tra le più note e premiate, miglior ristorante in Asia nel 2019 e 2020 oggi alla posizione numero 6 – mentre Asia’s Best Female Chef è la filippina Johanne Siy di Lolla a Singapore (al numero 63), con una moderna cucina transnazionale, eredità degli studi al Culinary Institute of America (CIA) a New York e delle esperienze al Le Bernardin di New York, al Fäviken e al Noma in Scandinavia e da André a Singapore. Sempre molto interessante, per la capacità di intercettare i nuovi talenti, One To Watch Award di quest’anno va a August (new entry alla posizione 95), dello chef Hans Christian e del ristoratore Budi Cahyadi che stanno portando Giacarta nelle traiettorie gastronomiche asiatiche, grazie a un mix di sapori indonesiani tradotti con linguaggio e tecniche contemporanee in un’atmosfera rilassata. nell’edificio della Sequis Tower. Il premio per il miglior sommelier va a Della Tang di Ensue (n.31) a Shenzen, stella nascente nel mondo del vino cinese. L’Art of Hospitality Award va a Zén a Singapore (n.21), mentre l’ambito Chefs’ Choice Award è andato a Hiroyasu Kawate del Florilège (n.7). La scalata più ripida l’ha fatta Labyrinth di Singapore che si posiziona al numero 11 aggiudicandosi l’Highest Climber Award mentre la new entry più alta è alla posizione n. 30: Avartana a Chennai, nell’hotel ITC Grand Chola.

Le Du

Asia’s 50 Best. 1-50

Una rincorsa serrata che vede Thailandia e Giappone ad alternarsi sul podio un anno dopo l’altro – la classifica del 2022 vedeva in testa Den, seguito da Son e Florilège – con la cucina locale che si contende le posizioni di testa con la francese, ma anche l’Italia è ben rappresentata.

  • n. 1 Le Du (Bangkok, Thailandia)
  • n. 2 Sézanne (Tokyo, Giappone)
  • n.3 Nusara (Bangkok, Thailandia)
  • n. 4 Den (Tokyo, Giappone)
  • n.5 Gaggan Anand (Bangkok, Thailandia)
  • n. 6 Odette (Singapore) – Asia’s Best Pastry Chef
  • n.7 Florilège (Tokyo, Giappone) – Chefs’ Choice Award
  • n. 8 La Cime (Osaka, Giappone)
  • n. 9 Sorn (Bangkok, Thailandia)
  • n. 10 Narisawa (Tokyo, Giappone)
  • n.11 Labyrinth (Singapore) – Highest Climber Award
  • n. 12 Sazenka (Tokyo, Giappone)
  • n. 13 The Chairman (Hong Kong) – Miglior ristorante di Hong Kong
  • n. 14 Villa Aida (Wakayama, Giappone)
  • n. 15 Mosu (Seoul, Corea) – Miglior ristorante della Corea
  • n. 16 Masque (Mumbai, India) – Miglior ristorante dell’India
  • n. 17 Meta (Singapore)
  • n. 18 Fu He Hui (Shanghai, Cina) – Miglior ristorante della Cina continentale
  • n.19 Indian Accent (Nuova Delhi, India)
  • n.20 Ode (Tokyo, Giappone)
  • n. 21 Zén (Singapore) – Art of Hospitality Award 
  • n. 22 Sühring (Bangkok, Thailandia)
  • n. 23 Onjium (Seoul, Corea)
  • n. 24 Burnt Ends (Singapore)
  • n. 25 Euphoria (Singapore)
  • n. 26 Cloudstreet (Singapore)
  • n. 27 Les Amis (Singapore)
  • n. 28 Mingles (Seoul, Corea)
  • n.29 Mingles (Hong Kong)
  • n. 30 Avartana (Chennai) – New entry più alta
  • n. 31 Ensue (Shenzen, Cina) – Miglior sommelier
  • n. 32 Cenci (Kyoto, Giappone)3
  • n. 33 Ms. Maria & Mr. Singh (Bangkok, Thailandia)
  • n. 34 Da Vittorio (Shanghai)
  • n. 35 Potong (Bangkok, Thailandia)
  • n. 36 Born (Singapore)
  • n. 37 Wing (Hong Kong)
  • n. 38 Raan Jay Fai (Bangkok, Thailandia)
  • In. 39 Wing Lei Palace (Macao) – Miglior ristorante di Macao
  • n. 40 Anan Saigon (Ho Chi Minh City, Vietnam) – Miglior ristorante del Vietnam
  • n. 41 Mono (Hong Kong)
  • n. 42 Toyo Eatery (Manila, Filippine) – Miglior ristorante delle Filippine
  • n. 43 Sichuan Moon (Macao )
  • n. 44 L’Effervescence (Tokyo, Giappone) – Icon Award
  • n. 45 Mume (Taipei, Taiwan) – Miglior Ristorante di Taiwan
  • n. 46 Baan Tepa (Bangkok, Thailndia)
  • n. 47 Born & Bred (Seoul, Corea)
  • n. 48 Metiz (Makati, Filippine)
  • n. 49 Caprice (Hong Kong)
  • n. 50 è Refer (Pechino, Cina)

Joo Ok

Asia Best restaurant: 51-100

  • n. 51 Joo Ok (Seoul, Corea)
  • n. 52 Bukhara (New Delhi, India)
  • n. 53 Ta Vie (Hong Kong)
  • n. 54 Yong Fu (Hong Kong)
  • n. 55 7th Door (Seoul, Corea)
  • n. 56 Thevar (Singapore)
  • n. 57 Logy (Taipei, Taiwan)
  • n. 58 Jade Dragon (Macau)
  • n. 59 Jin Sha (Hangzhou, Cina)
  • n. 60 L’évo (Toyama, Giappone)
  • n. 61 Ando (Hong Kong)
  • n. 62 Estro (Hong Kong)
  • n. 63 Lolla (Singapore)
  • n. 64 Sugita (Tokyo, Giappone)
  • n. 65 Ultraviolet by Paul Pairet (Shanghai, Cina)
  • n. 66 Americano (Mumbai, India)
  • n. 67 Esquisse (Tokyo, Giappone)
  • n. 68 Eatanic Garden at Josun Palace (Seoul, Corea)
  • n. 69 Ministry of Crab (Colombo, Sri Lanca)
  • n. 70 8 1/2 Otto e Mezzo Bombana (Hong Kong)
  • n. 71 Côte by Mauro Colagreco (Bangkok, Thailandia)
  • n. 72 Wana Yook (Bangkok, Thailandia)
  • n. 73 Lerdtip Wanghin (Bangkok, Thailandia)
  • n. 74 Dewakan (Kuala Lumpur, Malaysia)
  • n. 75 Nihonryori RyuGin (Tokyo, Giappone)
  • n. 76 Fu1015 (Shanghai, Cina)
  • n. 77 Ling Long (Pechino, Cina)
  • n. 78 The Table (Mumbai, India)
  • n. 79 Eat and Cook (Kuala Lumpur, Malaysia)
  • n. 80 The Pizza Bar on 38th (Tokyo, Giappone)
  • n. 81 Gaa (Bangkok, Thailandia)
  • n. 82 Samrub Samrub Thai (Bangkok, Thailandia)
  • n. 83 Nae:Um (Singapore)
  • n. 84 Jaan by Kirk Westaway (Singapore)
  • n. 85 Claudine (Singapore)
  • n. 86 Summer Pavilion (Singapore)
  • n. 87 Adachi Sushi (Taipei, Taiwan)
  • n. 88 Obscura (Shanghai, Cina)
  • n. 89 Meet the Bund (Shanghai, Cina)
  • n. 90 Été (Tokyo, Giappone)
  • n. 91 Hommage (Tokyo, Giappone)
  • n. 92 Golden Flower (Macau)
  • n. 93 Ekaa (Mumbai, India)
  • n. 94 Nadodi (Kuala Lumpur, Malaysia)
  • n. 95 August( Giacarta, Indonesia) – One To Watch Award
  • n. 96 Liberte (Kaohsiung, Taiwan)
  • n. 97 Sushi Hare (Hong Kong)
  • n. 98 Nahm (Bangkok, Thailandia)
  • n. 99 Xin Rong Ji (Hong Kong)
  • n. 100 Vea (Hong Kong)

 

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per offrirti un servizio di qualità. Per richieste di collaborazione e di carattere promozionale Contattaci via email. Un saluto dal team di Foodtop!

Gambero Rosso

Scritto da Gambero Rosso

Gambero Rosso è la piattaforma leader per contenuti, formazione, promozione e consulenza nel settore del Wine Travel Food italiani. Offre una completa gamma di servizi integrati per il settore agricolo, agroalimentare, della ristorazione e dell’hospitality italiana che costituiscono il comparto di maggior successo con un contributo rilevante per la crescita costante dell’economia.

Cosa ne pensi?

Tepro Toronto Xxl 2019 Carrello Per Barbecue, Antracite, Acciaio Inossidabile, 152 x 73 x 137 Cm

Offerte Barbecue: le Top del mese di Luglio 2024

KASANOVA Essential Batteria di Pentole 10 Pezzi, 2 Padella 24/28cm, 4 Casseruola16/20/24/28cm con Coperchi, Padella Tegame Wok con Rivestimento Antiaderenti Per tutte le fondi di calore Induzione

Kasanova Pentole Offerta: le Top del mese di Luglio 2024