in

A Montalcino, inaugurato il Tempio del Brunello

È stato inaugurato nel centro storico di Montalcino uno straordinario polo museale che collega il trecentesco complesso monumentale di Sant’Agostino, il Museo Archeologico, le Raccolte Museali Civica e Diocesana e il neonato Tempio del Brunello, un percorso innovativo ed emozionale che permette di scoprire uno dei vini rossi italiani più famosi del mondo.

Il progetto, grazie alla collaborazione dell’Arcidiocesi di Siena, Colle di Val d’Elsa e Montalcino, dal Comune di Montalcino, dal Consorzio del Vino Brunello di Montalcino è stato realizzato dalla societò di gestione museale Opera Laboratori, e ha l’obiettivo di far conoscere la storia millenaria di Montalcino e di promuovere i prodotti del suo territorio come espressione dell’Oro di Montalcino.

1. Tempio del Brunello1

Dopo un anno e mezzo di pandemia in cui le nostre energie si sono concentrate nel sostenere la comunità” ha affermato il sindaco di Montalcino, Silvio Franceschelli “abbiamo pensato anche al futuro e questo progetto per noi è il modo di guardare avanti. Lavorando di concerto con l’Arcidiocesi e il Consorzio del Brunello, con il braccio operativo di Opera Laboratori, vogliamo non solo promuovere il nostro territorio attraverso una formula innovativa che possa accogliere in maniera efficace i visitatori, ma creare all’interno del complesso di Sant’Agostino nuovi stimoli e spazi culturali per la comunità montalcinese dove arte, storia, musica, artigianalità e prodotti d’eccellenza possano fondersi alla cultura produttiva in un progetto organico”.

“Siamo convinti che il percorso del vino non si esaurisca in un bicchiere” ha continuato il presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino Fabrizio Bindoccima sia sempre più un fenomeno di rilievo anche dal punto di vista culturale. Questo progetto ci entusiasma poiché il Tempio del Brunello non è solo un museo moderno e interattivo, ma anche un’esperienza profondamente rappresentativa del suo territorio che darà un valore aggiunto all’attività di promozione che lo stesso Consorzio già svolge per tutto il sistema socioeconomico di Montalcino”.

Chiostro Enoteca Tempio del Brunello

Il percorso di visita del Tempio del Brunello

Il punto di partenza della visita inizia da InChiostro, primo chiostro coperto dell’ex convento, per scoprire l’esperienza del territorio di Montalcino: postazioni con visori di realtà virtuale – chiamate InVolo – consentono di sorvolare ville e castelli, godere di scorci mozzafiato del centro urbano visti dall’alto e i piccoli paesi del vasto e diversificato territorio comunale. Le più moderne tecnologie visuali permettono una visione altrimenti impossibile del territorio e di tutti suoi versanti durante le varie ore della giornata. I video, in modo particolare, evocano i quattro pilastri, ovvero i concetti strutturali che hanno determinato il successo del vino di Montalcino: il terreno, la biodiversità, il clima e il lavoro delle persone. Le Voci del Brunello in cui gli artefici di questo successo – da Nello Baricci e Ezio Rivella a Francesca Colombini Cinelli – raccontano le difficoltà e la grande avventura del Brunello attraverso le loro storie.

Inchiostro al Tempio del Brunello3

Il Tempio del Brunello, il cui allestimento è stato realizzato da Opera Laboratori e per la parte multimediale da ETT, società leader rispettivamente nel settore museale e dell’innovazione digitale, si articola negli ambienti ipogei dell’ex convento, adiacenti alla sede del Consorzio del Vino Brunello. Hanno contribuito all’elaborazione il vice-presidente del Consorzio Stefano Cinelli Colombini e Gabriele Gorelli, primo Master of Wine italiano, di origine montalcinese. “Con l’Oro di Montalcino e il Tempio del Brunello” ha affermato Giuseppe Costa, presidente di Opera Laboratori “abbiamo voluto coniugare l’esperienza acquisita in oltre vent’anni di gestione museale con la competenza e la sensibilità di coloro che ci hanno accompagnato in questo percorso. Un sentito ringraziamento va ai laboratori di Opera che hanno sviluppato e realizzato il progetto in tutti i suoi aspetti, dalla produzione culturale alla progettazione tecnica, dall’allestimento alla comunicazione visiva, dalla promozione all’ospitalità”.

11. Enoteca Tempio del Brunello

L’enoteca, i vini in degustazione e il sommelier digitale

Nel Tempio del Brunello è possibile degustare i vini nell’Enoteca Bistrot Caffetteria e attraverso un’applicazione mobile sarà possibile scegliere il Brunello in base alla propria personalità e grazie a un sommelier digitale multilingue accompagnare l’assaggio con spiegazioni e curiosità.

QR code al Tempio del Brunello

Non solo: c’è spazio anche per miele, zafferano, olio e tartufi: saranno presentati da Federico Ciacci, Marzio Saladini, Carlo Alberto Bindi e Paolo Valdambrini che racconteranno le proprietà, la storia, la tradizione dei quattro prodotti, principi del territorio montalcinese.

Tempio del Brunello – Montalcino (SI) – Complesso di Sant’Agostino – via Ricasoli, 31 – +39 0577 286300 – www.orodimontalcino.it – aperto tutti i giorni: 10.30-19 – ingresso €10

a cura di Andrea Gabbrielli

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande, dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di FOODTOP è al tuo servizio per la scelta del prodotto migliore. Un saluto!

Cosa ne pensi?

Written by redazione

Alla scoperta dei “tesori del gusto” della Food Valley parmense: i Musei del Cibo

Polpette, tortini e conserve: 10 ricette con i fagiolini più 3 “bonus”